Top Menu

Hakuoki: Kyoto Winds [recensione]

In realtà non so se definirla veramente una recensione, il fatto è che è successa una cosa buffa dopo l’ultimo post su l’argomento: mi son detta, visto che ormai aveva scritto il recap, di farmi forza e finire la prima route e lì la situazione è degenerata.
Cosa è successo di preciso? Tanto per cominciare per qualche arcano motivo, ancora una volta, col mio metodo di fare gli otome sono finita con Heisuke – che non sopporto XD
In realtà non è vero, Hakuoki ha svariate scelte “criptiche” per cui dopo aver collezionato due punti con lui mi sono arresa all’idea di farlo perché era quello con maggiori possibilità di finire bene.
Sono andata avanti tranquillamente, tra deja-vù e noia, per poi incappare in un brutale e inaspettatamente rapido finale e mi son detta: “cavolo, ho cannato il true ending”

A una parte di me non interessava continuare oltre ma l’altra parte di me era troppo irritata dal fallimento per lasciarlo impunito solo che… ricordavo di aver controllato poco prima e mi dava l’affinità come “fioritura completa”… di CG non ne mancava uno… e poi il trofeo…
Alla fine ho capito, non avevo fallito QUELLO era il finale presenta in Hakuoki: Kyoto Winds.
Ho guardato il titolo e finalmente ci sono arrivata… Hakuoki KYOTO Winds… questo Hakuoki tratta solo della parte di storia che si svolge a Kyoto e dintorni *gasp*
In breve manca quella che io amo chiamare “la parte Meji” quando la Shinsengumi finisce gambe all’aria perché le pistole soppiantano le spade e iniziano a vestirsi stilosi.
Messa così può sembrare una cosa da poco, il problema è che la storia rimane a metà e di fatto nel Kyoto Winds c’è solo la route comune e appena l’inizio di quelle romantiche quindi è un otome senza romanticismo (?).

La colpa è mia, ero arrivata a tappo con Hakuoki e non mi sono più tenuta aggiornata (non ho nemmeno visto gli OAV, è letteralmente dal 2012-3 che per me Hakuoki è morto), per cui pensavo ingenuamente che avessero portato in occidente sempre il solito Hakuoki “base” ma con qualche route aggiunta e che fosse quindi il corrispettivo PSV di quello che in patria si chiama Hakuouki Shinkai Fuukaden o che comunque fosse l’Hakuouki Shinkai completo.
Mi spiegherò meglio: Hakuouki Shinkai è il nome sotto cui sta questa nuova versione dell’Hakuoki “base” (ovvero l’Hakuoki con le ultime route aggiunte) ma esistono varie versioni del Shinkai.
Hakuouki Shinkai Fuukaden è il nome della versione su PS4, che in realtà è uscita da un mesetto in Giappone per cui era ovvio che non potesse essere quella XD
Hakuouki Shinkai Fuukaden contiene tutta la storia, sia il periodo “cappa e spada” che quello “pistole e divise stilose”, in breve è l’Hakuoki già uscito in occidente ma con alcuni nuovi ragazzi aggiunti.
Inizialmente, nel 2016, Hakuouki Shinkai uscì su PSV ed erano due giochi separati che potevi comprare accorpati in una edizione “2 in 1”; i loro nomi sono “Hakuouki Shinkai Kaze no Shou” e “Hakuouki Shinkai Hana no Shou” (chi a visto l’anime a suo tempo ha già un idea del perché del Kaze/Hana)
Pensavo che, visto che da noi Hakuoki è già uscito fino alla nausea ed è sempre uscito con la storia completa, non avesse farlo uscire separato e invece no… ciò che da noi si chiama Hakuoki: Kyoto Winds corrisponde all’Hakuouki Shinkai Kaze no Shou.
Avevo sentito che l’Idea avrebbe distribuito anche un secondo Hakuoki nel prossimo futuro ma pensavo che fosse uno degli altri della serie che, insomma, avessero ri-ri-ri-messo in commercio il solito Hakuoki “base” (fortunatamente con qualche aggiunta) per farsi pubblicità low-cost (essendo già quasi tutto già tradotto) per poi pubblicare finalmente uno degli altri Hakuoki *gemito*
Mi aspettavo troppo… Il mondo è più crudele di quanto credessi XD

Vien da sé che 5 secondi dopo aver capito cosa avevo per le mani ho provato l’impulso irrefrenabile di trovare il modo di chiedere un rimborso alla Sony per il mio acquisto (manco fosse Steam :P) perché di avere un otome, che conosco già fino alla nausea, senza romance (che probabilmente tra un anno uscirà in forma “2 in 1”) non so proprio che farmene *sospiro*
Dopo l’amara delusione ho deciso di essere professionale: avrei fatto le route nuove, giusto per vedere come erano, e avrei finito il gioco nella sua interezza per poi cancellarlo dalla PSV per non ripensarci più fino a quando non uscirà il corrispettivo dell’Hana no Shou.
Così è stato e quanto segue deriva da quell’esperienza *nod*.

Non tutto il male vien per nuocere
La nuova edizione su PSV porta svariate migliorie, oltre alle nuove route, e rende le scene più dinamiche soprattutto grazie ai nuovi effetti animati (tipo la neve che cade e i petali) che rendono anche meno ridicole le scene di combattimento che in precedenza erano alquanto squallide > non che visual novel e action vadano tanto d’accordo ma è migliorata un bel po’ la situazione.
Hanno anche sistemato alcune meccaniche, la più utile è la possibilità di saltare di capitolo in capitolo (per così dire) grazie al Record of Service anche se lo userete principalmente per fare i finali “brutti” in 5 secondi senza dover ripetere tutto da capo; per il resto basta usare il solito metodo: quick save prima delle scelte e se non va come volevate quick load.
Girando su PSV ha una risoluzione maggiore, rispetto al corrispettivo PSP (che può essere giocato anche su PSV, se vi piace la roba sgranata), e tutto sommato il nuovo si mixa bene col vecchio e non ci sono particolari stacchi nemmeno a livello di doppiaggio (poveretti, questi sono 10anni che regolarmente vengono chiamati allo studio di registrazione per registrare frasi e drama cd della gente della shinsengumi *fufu*)

Le nuove route si integrano bene col resto l’unica che sembra quasi una storia parallela è quella di Sakamoto, mentre quella di Souma ha svariati riferimenti al Reimeiroku (cosa che mi fa doppiamente incazzare, lo traducete o mi prendete per il culo!?) ma avendo praticamente riscritto ogni singolo capitolo per le new entry, e i comprimari allegati, il risultato finale è decisamente ottimo.
Avrei una critica da fare sui comprimari: Hakuoki è già pieno zeppo di personaggi e hanno voluto aggiungere gente nuova per di più in maniera assai pigra (ovvero un “amico” e una “nemesi” a testa) col risultato che mi sono incazzata per Takeda e Miki… per di più all’inizio ero convinta che Miki fosse Ibuki (il protagonista del Reimeiroku) invecchiato > guardate l'immagine qui di fianco.
Non conosco l’ordine di aggiunta delle route nel tempo, se non erro Sanan, Yamazaki e Shinpachi si sono aggiunti nella versione PS3, però rispetto alla versione PSP/3DS la situazione è la seguente:
- Hakuoki “vecchio”: Hijikata, Okita, Saito, Toudou, Harada, Kazama
- Hakuoki “nuovo”: Hijikata, Okita, Saito, Toudou, Harada, Kazama, Nagakura, Sanan, Yamazaki, Iba, Souma, Sakamoto
In breve sono raddoppiati (:P) e Kazama ha perso il suo status di route segreta ma per lo meno è diventata una route vera e propria; ai tempi della PSP era brevissima e inconsistente rispetto alle altre, mentre ora è più inquadrata nella storia anche se questo non toglie il fatto che rimane senza finale *gemito*
Inoltre, col fatto che sono davvero così tante route possibili, soprattutto quelle nuove se commetti un errore (aka facendo scelte non ponderate ti alzi l’affinità con un altro) te li giochi per sempre e nel caso di Sakamoto basta non azzeccare la prima e il suo destino è segnato: non ne sentirai mai più parlare e morirà da lì a poco off-screen O.0!!!
In realtà nella versione PSV è presente anche un’altra route, quella “comune” che nei giochi precedenti era semplicemente un Bad End dovuto al fatto che non eri riuscita a circuire alcun ragazzo, ma visto che in questo caso la storia si ferma con la partenza per Edo il fatto che la vita di Chizuru con la shinsengumi si fermi lì è considerato un finale valido.

Kyoto Winds è di fatto la route comune + 1 capitolo di quella romance, ma essendo comunque un gioco con una sua fine (una fine patetica direi, perché non si arriva a nulla e la frase post crediti è praticamente identica per tutti) hanno dovuto obbligatoriamente mettere dei Bad End aggiuntivi, parzialmente presenti anche nella vecchia versione.
Nel vecchio Hakuoki c’erano svariati modi di morire lungo la via, ma erano generalmente presenti nella route specifiche (per dirne una non era possibile arrivare alla fine se non si faceva una scenetta vampirica) e non avendo quella parte il Kyoto Winds è dovuto andare per un’altra (pigra) via.
Ci sono di fatto 2 finali extra per ogni route che però sono (tristemente) decretati quasi completamente dalle 2-3 scelte che fai nel capitolo 5.
I finali sono pure fatti con lo stampino, per così dire: se hai 0 affinità col bello di turno Chizuru morirà come una scema o altrimenti il suo amoruccio si sacrificherà e Chizuru resterà a Osaka ad aspettarlo in eterno (o qualcosa del genere)
Il problema del secondo finale è che spesso risulta ridicolo perché, molto semplicemente, non ci sono abbastanza momenti teneri per giustificare la scelta di Chizuru… cavolo nel Kyoto Winds la storia finisce ben prima che Chizuru bacio o dica che le piace qualcuno XD
Ma nonostante ciò farebbe la zittella in sempiterna attesa in barba ai problemi personali e/o del mondo? Ooook… mentalità da otome XD

Nonostante la storia sia segata il Kyoto Winds racconta comunque tutto ciò che c’è da sapere, soprattutto grazie alle route aggiunte (per dirne una per un attimo temevo che la faccenda di Kaoru rimanesse nel limbo e fosse solo “una che appare in un capitolo e di cui non sentiremo più parlare fino al nuovo gioco”)
Getta la basi per una futura conclusione strappalacrime, non che questo renda la situazione meno irritante…
Alcune delle route aggiuntive, per quanto siano belle, sono alquanto ridondanti e inutili (il pregio di quella di Souma è solo di andare più nello specifico riguardo al prequel) oppure si sfora nel ridicolo (parlo con te Iba con l’assurda sotto-trama dei bracci demoniaci!!) e comunque non hanno abbastanza spazio per risaltare nella massa.
No, ok, quella di Sakamoto mi è piaciuta perché è quasi tutta in parallelo ma ha comunque seri problemi di continuità e… beh… lo ammetto, è l’unica a mostrare veramente gli abiti Meji in azione (altrimenti c’è solo Iba per 5 minuti) e al pari della altre nemesi alla fine avrei preferito vedere Chizuru mandare a spigolare i buoni per scappare lo cattivo XD > e poi Sakamoto è doppiato da Ono *cof cof*
Scherzi a parte Takeda, Miki e Nakaoka (Meji version) mi sono sembrati ben più appetibile della loro controparte buona il più delle volte e per certi versi Kazama “full route” ha perso un po’ della sua aura da stronzo e tenebroso, ma a lui si perdona tutto *nod*

Però se è fatto male è fatto male
Non mi dilungherò oltre, che ho già scritto troppo.
Tralasciando la faccenda delle route segate a metà mi è dispiaciuto appurare che la traduzione sia sempre quella Aksys e le parti nuove siano in linea con quella per cui perdura l’adattamento folle che cambia i nomi alla gente, la terminologia e compagnia bella.
In realtà non è così in linea, dal punto di vista della punteggiatura (soprattutto le virgolette e gli a capo) la parte nuova è un completo disastro e ogni tanto le cose cambiano nome tra una battuta e l’altra.
Il “senpai” di Souma che diventa “insegnante” manco fosse un “sensei” mi ha fatto cadere le braccia -.-
Ok, non c’è un termine mono-parola per spiegare il concetto ma non era meglio che chiamassero Chizuru “superiore”? Alla fine è il paggetto con più esperienza e anche se loro sono i paggi di Kondou (ergo il capo di Hijikata) lei sta comunque sopra di loro nella gerarchia, in un certo senso.
Non dirò altro, ne ho parlato già fino alla nausea di quanto odi l’adattamento americano, soprattutto per quanto riguarda come i personaggi vengono chiamati (basta cercare Aksys su questo blog per capire di cosa parlo).
Non penso ci sia altro da dire, c’è il solito problema dell’audio con Shinpachi, ma ormai ci si può fare poco XD

Tirando le somme
Oltre ai nuovi personaggi il Kyoto Winds racconta anche alcuni risvolti del passato della shinsengumi ed è più accurato e specifico dal punto di vista storico ma, ripeto, questa versione di Hakuoki è il risultato di svariati remake e accorgimenti per cui si può tranquillamente dire che un abisso di differenze tra l’iniziale versione PS2 e questa, anche tenendo conto solo dei testi escludendo completamente la parte grafica.
Insomma Hakuoki: Kyoto Winds ha tutto il diritto di essere un gioco stand-alone perché come minutaggio e linee ci siamo, ma avrei preferito di più una cosa alla Fire Emblem Fates: due giochi separati con due punti di vista differenti sulla solita storia.
Per intenderci avrei preferito che il Kyoto Winds fosse su per giù identico all’Hakuoki su PSP (per cui con le solite vecchie route dall’inizio alla fine) mentre il prossimo gioco avrebbe trattato solo le route più nuove (dall’inizio alla fine) anche perché così mi sembra dispersivo, da qui a quando uscirà quello dopo già non mi ricorderò metà delle storie e immaginatevi voi che feeling puoi avere a finire una romance a mesi di distanza XD
Non so nemmeno come funzioni la cosa, se il prossimo Hakuoki si aprirà con lo “scegli chi farti” o se magari terrà conto dei salvataggi (?)
In realtà l’Idea è andata in modalità accattonaggio completo mettendo già al lancio un DLC (che fortunatamente costa solo 4€) che però ha il prego di contenre (probabilmente) alcuni parti aggiunte nella versione PS4, ovviamente riguardanti questa prima metà di storia.
È anche vero che in Giappone sono sempre bravi a trovare modi contorti di fare DLC su DLC inutili e la Aksys non se l’è fatto dire due volte, con l’Hakuoki con PS3 hanno lucrato extra con un quasi 30 DLC.

Il mio consiglio, per quanto possa sembrare assurdo, è di non comprarlo perché sinceramente non ne vedo il motivo per come sta messo ora.
Se vi piace Hakuoki c’è la versione PSP, che consiglio principalmente perché è la meno costosa e perché considero le visual novel materiale da console portatile; la versione PS3 è più completa e “bella” visivamente ma quei DLC mi inquietano non poco, mentre la versione 3DS la sconsiglio perché è proprio difficile da leggere anche sul New 3DS.
Comprare ora il Kyoto Winds è solo un ripetere continuamente la solita con storia con lievi varianti a seconda del ragazzo di turno… è come trovarsi in un loop (alla Groundhog Day), è tedioso, noioso e non ha un vero finale, quindi perché sprecare soldi e tempo?
Soprattutto considerato che tra un annetto uscirà il sequel e probabilmente ci sarà modo di avere entrambi a un prezzo scontato poco dopo, così potrete giocarvi l’Hakuoki più ampio dall’inizio alla fine senza stupide interruzioni.

Trovate le CG complete qui, mentre potete vedere tutto quello
che succedeva su PSP qua –e notare quante scene manchino *cry*


Copyright © La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes & SEO Wordpress Themes 2018