Top Menu

Zero Time Dilemma [Recensione]

Patti chiari, amicizia lunga: PSV, circa 15 ore *nod*

Questa volta sarò breve, anche perché è passata un’eternità dall’uscita del gioco :P
L’ho preso durante questi saldi, nonostante inizialmente avessi pensato di pre-ordinare la versione “deluxe” per PC, perché l’ho provato su PC e non mi ha fatto una bellissima impressione *cof cof*
A conti fatti su PC a livello di grafica si difende bene, più che altro per il fatto che puoi forzare la risoluzione e il monitor è messo meglio (la mia PSV inizia ad accusare gli anni), però a livello di gameplay è indecente perché è palesemente pensato per girare su un touchscreen con qualche tasto nelle vicinanze.
Ho quindi deciso di aspettare che mettessero decentemente in offerta la versione PSV, ho aspettato e aspettato… alla fine se l’ho preso settimana scorsa è solo perché c’era altro in offerta che mi interessava.
Sì, per me questo gioco non vale 15€, ma d’altro canto la serie non mi ha mai fatto impazzire: graficamente è sempre terribile e, per quanto adori le trame contorte, qui se ne approfittano un po’ troppo e comunque puzza della solita trama assurdamente intricata made in JP.
Comunque ha diversi punti a suo favore, ad esempio, restando prettamente sul lato grafico, ho apprezzato che abbiano cambiato l’artista capo così non solo le illustrazioni ma anche il charade è decisamente più gradevoli.

Mi sembra di averlo già accennato negli altri post: i giapponesi odiano la serie Zero Escape, fosse stato per loro questo terzo gioco non sarebbe nemmeno mai uscito per cui il bugdet era assai ridotto e parzialmente finanziato dalla Aksys stessa.
Questo, sommato al fatto che gli Spike (secondo me) non hanno mai imparato a programmare decentemente, mi ha reso assai scettica ma alla fine il risultato è stato migliore del previsto O.0
I fondali restano delle atrocità che paiono uscite da un gioco hentai anni 90 e il conteggio poligonale degli ambienti (insieme a qualche texture) sembra davvero uscito dal secolo scorso.
I personaggi sono ridotti come al solito e hanno il minimo indispensabile di animazioni e nonostante ciò hanno movimenti scattosi, innaturali, pieni zeppi di compenetrazioni e espressioni facciali ridicole ma per lo meno sembrano un Gust low-cost per cui è un terrific improvement rispetto al passato.
Sulla musica non ho molto da dire, c’è giusto una traccia memorabile (che non è nuova) e ho dovuto abbassare drasticamente l’audio quasi subito o non si sentiva un H del doppiaggio (e qualcuno mi spieghi come hanno fatto a pagare Daisuke Ono di nuovo!! XD)
In realtà una nota aggiuntiva l'avrei: l'ho giocato full eng (dub e sub) solo perché c'era un doppiatore che adoro e che per di più non è nemmeno creditato, per così dire; so che in realtà il doppiaggio inglese è stato fatto al risparmi e alcune voci sono cambiate, ma Virtue l'ho giocato in giapponese e quindi non ho potuto notare eventuali discrepanze.

Parlare della trama è complicato perché è contorta e piena di viaggi nel tempo come al solito, ma anche piena di collegamenti interni e agli altri giochi.
Il cast non è male, ma in alcuni casi ti chiedi che cazzo ci stiano a fare lì certi personaggi e hanno anche riciclato molte scuse e colpi di scena dagli altri giochi: nuovamente il “protagonista” che viene svelato ruotando la telecamera e di nuovo la pazza assassina *sospiro*
La nota positiva è che risponde, più o meno, a tutte le domande rimaste insolute di Virtue :P (anche se Phi non aveva le sopracciglia rosse in Virtue *cof cof*)
La nota negativa è che non finisce nemmeno a ‘sto giro e per di più hanno sbrodolato il finale con 10 secondi di troppo.
Questa me la levo subito di torno: si chiude una scena con un fade-out che va ai crediti quando il cattivo di turno finisce la sua frase simbolo NON si perde tempo sulla sua faccia per poi inquadrare il biondo di turno che gli punta contro la pistola, tanto sappiamo tutti che finirà con un bel finale sospeso alla “li fa o non li fa?” -.-
Comunque Zero Time Dilemma è ufficialmente l’ultimo e in effetti a seconda del finale ci si può ricollegare o meno a Virtue e/o alla fine dell’umanità stessa, per cui… non c’è molto altro da raccontare (maybe?)

Ho promesso che sarei stata breve e dovrei concludere qui anche perché non ho fatto alcuna screenshoot del gioco, non ci sono momenti memorabili o che non siano incredibilmente telefonati o prevedibili, inoltre le sezioni “seek” sono frustranti più del previsto perché spesso peccano di logica o sono davvero troppo contorte senza contare che alcuni finali sono abbandonati in mano al random > idea carina, ma dopo la prima volta stanca, sinceramente avrei preferito più diaologhi opzionali per le scene in cui devi mettere liberamente un nome (non che i dialoghi extra siano pochi, ma non posso continuare a rifare una scena che già ho dovuto ripetere solo per sentire due o tre frasi in più -.- il gioco si ripete già tanto di suo).
Non mi ha fatto particolarmente schifo, è stata una esperienza più piacevole di Virtue ma allo stesso tempo più frustrante e la strana meccanica dei capitoli sparpagliati, causati dal reset delle memoria ogni 90 minuti, è stata una idea carina ma mal implementata…
Ci voleva più tempo, capisco che i gruppi sono scaglionati, ma di fatto nel migliore dei casi sono svegli 4 volte e la storia dell’amnesia perde molto del suo fattore sorpresa;
e la possibilità immediata (una volta iniziata una scena) di vedere dove stava nella timeline per capire quale era lo stato del mondo, una volta fatta la scena mi importa il giusto di vedere dove sta perché l’ho già capito.
Inoltre, per quanto sia bello che le scene si sblocchino in base a certi parametri, ci sono svariati piccoli bug a giro per il gioco uno particolarmente noto (e che ho subito anch’io) riguarda le 3 scene di morte per esecuzione: se la prima volta votate come suggerito e poi tornate indietro e fate l’opposto con tutti non vedete tutte le esecuzioni però sbloccate tutti i rami della storia ma alcune scene successive restano bloccate finché non vede l’esecuzione tal dei tali, ma non capite perché non ve le ha sbloccate perché i flashback dell’esecuzione li vedete e altre scene invece sono sbloccate = caos.
Nonostante questo problema sia particolarmente noto non è mai stato sistemato *facepalm*

Questo Zero è un pelino più splatter,
peccato che usino le solite 2 identiche texture
per tutte le macchie...
Concludo ammettendo di sapere che sta per riuscire per PS4 (e si spera che come su pc la grafica risulti meno fastidiosa e scanalata rispetto alla PSV) ma non è stato detto nulla a proposito di cose aggiunte o altro e suppongo che l’aver messo in offerta la versione PSV finalmente oltre il 50% fosse un modo per vendere copie prima di immettere nel mercato la versione PS4.
Se la versione PS4 dovesse avere roba in più me la guarderò su youtube, non intendo ricomprarla.
Eeeee non parlo della versione 3DS perché ho il terrore di essa, mi è bastato fare la demo di Virtue su 3DS ed era atroce rispetto alla versione PSV *fufu*

Niente voto, niente conclusioni, una parte di me vuole ancora farsi del male e fare un post degno di tale nome in cui spoilero e ri-spiego tutta la trama di questa disastrata serie.
Alla fine questa “recensione” è praticamente spoiler-free, è quasi un miracolo per questo blog XD

p.s. una volta finito il gioco controllate i File perché ci sono delle mini-novel.



Copyright © La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes & SEO Wordpress Themes 2018