Ultimi Post

sabato 23 aprile 2016

Bus Gamer [la non-recensione]

Faccio questa “recensione” più per dovere di cronaca che vero interesse.
Ok, in realtà sono una fan della Mine-sensei ma sono molto realista e so già che andrà di lusso se finirà almeno una delle due serie in corso di Saiyuki *eheh*

Nel disastrato mercato italiano capita abbastanza spesso, molto più di quanto non si pensi (e con molta più premeditazione di quanto dovuto), che vengano portati in italia mangia senza un vero finale, abbandonati dagli autori per vari motivi, ecc...
La principale causa è il fatto che l’autore da noi è conosciuto, vende, e quindi bisogna inondare il mercato con tutto quello che si può fare senza contare che comprare i diritti di una serie interrotta costa generalmente meno *cof cof*

Non è la prima volta che la Goen fa uscire un volume “finito” (molto, molto tra virgolette) della Minekura perché nel 2013 uscì “Nido di Vespe” che non era nemmeno un volume vero e proprio, vedi QUI.

Il caso Bus Gamer è simile al sopracitato: si tratta di una serie iniziata da una parte, interrotta dopo pochi capitoli, ricominciata e ristoppata -.-
Nello specifico inizialmente questa serie era serializzata su una defunta rivista della Square; nel 2006 fu ripresa dalla Ichijinsha (sulla rivista Comic REX) e uscirono 3 nuovi capitoli oltre a una nuova riedizione a volume che si concludeva con l’augurio della Minekura di continuarlo appena sarebbe ritornata in forza > probabilmente ci credevano davvero visto che uscirono anche 3 OAV *nod*

Bus Gamer non è completo, è ufficialmente stoppato e quindi questo volume (ormai) ironicamente chiamato “The Pilot Edition” racchiude tutto ciò che la Minekura ha fatto per questa storia ma di fatto è solo un pilot, un prologhetto in cui vengono presentati i personaggi e niente più.
Nei capitoli raccolti nel volume, che ripeto sono assolutamente gli unici usciti (dopo tutti questi anni, con tutti i problemi dell’autrice, qualcuno davvero pensa che uscirà un volume nuovo??) viene accennato appena lo scheletro principale della storia, vengono mostrati un po’ tutti i protagonisti e viene brevemente introdotto il fatto che tutti hanno delle motivazioni oscure.
Insomma sulla scacchiera sono stati posizionati i pezzi (alcuni nemmeno degni di avere un volto tratteggiato) e vengono spiegate le regole del gioco, ma alla prima mossa la scacchiere viene presa e buttata nel camino XD

Bus Gamer non vale la spesa, non merita di essere comprato, l’unica nota positiva è che i 5,95€ li fa valere meglio di Nido di Vespe visto che è una storia più organica e lunga XD
L’edizione italiana è abbastanza tirata via, come si vede da alcune pagine caricate su FB si sono dimenticati di pulire alcune cose mentre la traduzione generalmente non è malvagia (anche se ha qualche attimo di legnosità), ma la cosa peggiore è la qualità di stampa! Carta (igenica) sottilissima e inchiostro sbafato che sfondando anche la pagina, rendendo le tavole un guazzabuglio di linee grigiastre -.-

Volete sapere di cosa parlasse Bus Gamer? Guardatevi la versione animata, molto bovinamente... tanto la “storia” è tutta lì ed essendo a colori si nota meno che la Mine-sensei non è molto varia nei volti *fufu*

Nei prossimi giorni cercherò di fare un annuncio ufficiale ma probabilmente la release prevista per Giugno slitterà causa esami, mi impegnerò a fare ammenda durante l'estere :P

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes