Ultimi Post

sabato 26 settembre 2015

Hatsune Miku: Project Mirai DX [recensione]

Alcuni giorni fa è uscito da noi “Hatsune Miku: Project Mirai DX” (“Hatsune Miku: Project Mirai Deluxe” in patria) che non è nient’altro che la versione estesa del “Hatsune Miku: Project Mirai 2”, gioco per 3DS che uscì nel 2013 (e che a sua volta era la versione ampliata del precedente “Hatsune Miku: Project Mirai”).
La serie Mirai è lo spin-off del Project Diva, il rhythm game di riferimento per i Vocaloid, nato dalla collaborazione tra Sega e Crypton Future Media.
Il Mirai è il fratellino “puccioso” e più scanzonato, infatti sono pochissime le canzoni del Mirai presenti anche nei vari Diva.

Il Project Mirai DX contiene 49 canzoni (78 in totale se si contano le variant):
il primo Mirai ne aveva solo 20 a cui si aggiunsero altre 28 nel Mirai 2, quindi il DX ha un unica canzone inedita (ovvero “Nice To Meet You, Mr. Earthling / はじめまして地球人さん / Hajimemashite Chikyuujin-san”).
Gran parte delle canzoni ha più versioni (variant più o meno ufficiali, anche perché senza di ciò sarebbero quasi tutte di Miku) e si può vestire i vocaloid coi vari vestiti presenti nel gioco (100 in totale) facendo anche mix tra capigliature e vestiti altrui (tutte le ragazze possono indossare gli abiti delle altre, e lo stesso capita con Kaito e Len);
le uniche canzoni senza tali personalizzazioni sono quelle con un video vero e proprio (piccola nota: nel primo Mirai tutte le canzoni avevano sotto un video pregenerato, nel 2 furono sostituite da animazion in-game).

In italia è arrivata un unica edizione (nonostante il roboante nome “DayOne Edition”) che contiene anche 19 carte per l’AR, principale chicca del gioco perché le carte sono sia per i singoli personaggi (che vengono visualizzati col costume che avete impostato voi) ma -soprattutto- delle canzoni e usandole potrete far danzare i Vocaloid sulla vostra mano XD

Il gioco è simpatico e la sua manciata di ore scarse te la fa passare allegramente tra canzoni conosciute e ritmi assurdi... ma a conti fatti non è nulla di eccelso.

Non sono una fan sfegatata dei Vocaloid o dei rhythm game (anche se mi dicono che me la cavo benino XD), invero ho solo giocato a suo tempo il primo Hatsune Miku: Project DIVA su PSP (rigorosamente patchato) e ne avevo un bel ricordo...
Purtroppo gli altri giochi della serie, quando sono effettivamente arrivati da noi, erano solo digital e con un costo folle senza contare i tremila DLC allegati -.-
Così non ho mai riprovato l’esperienza finché per caso non mi è capitato il Mirai > è stato davvero un caso, l’ho chiesto a battuta e ne era rimasta una copia O.0

Alcune cose mi hanno lasciato assai perplessa, come ad esempio il fatto che GUMI appaia spesso nelle canzoni di coppia ma poi non sia veramente utilizzabile, o non le si possa comprare qualche vestito extra... Alla fine fa solo qualche comparsata e poco più > capisco che faccia parte dei Megpoid ma o la metti o non la metti...

La coreografia di molte canzoni è un po’ scialba, col personaggio che si muove quasi sul posto; capisco le limitazioni spaziali ma alcune sono evidentemente più curate -.-

Tutta la parte esterna alle canzoni non sa di molto ed è molto raffazzonata: i minigiochi sono assurdamente retrò, l’arredamento della stanza e le animazioni dei personaggi sono ai minimi termini e anche tutta la faccenda dei timbri e degli snack è prettamente fine a se stessa...

Una volta sbloccate tutte le canzoni non resta molto da fare se non ripetere all'infinito le stesse canzoni a difficoltà sempre più alta, e ammettiamole molte sono dimenticabili -.-
Ok, magari è un fatto mio (ad esempio non reggo le canzoni della Fuwafuwa) ma passare dalle canzoni “tripla A” dei DIVA a queste canzonette un po’ sceme e allungate è stato fastidioso, senza contare che gli schermi delle console portatili Nintendo hanno sempre fatto un po’ pena (non che quello PSP, per di più la mia è datatissima, sia eccelso ma ad esempio sul 3DS leggere i testi di Hakuoki, che è identico a quello PSP, provoca un’immediata emicrania) ed è normale avere gli occhi stanchi dopo un paio si canzoni.

Il Mirai è assolutamente un bel rhythm game, un must own per i fan della Miku e gli altri Vocaloid (anche se in questo caso il cast è davvero datato e ai minimi termini) ma se non siete fan di una delle due potete risparmiarvi i 40€ XD

Però non sbagliatevi, per un po' continuerò a "sguazzare" tra i Vocaloid in questo assurdo ritorno di fiamma e a chi interessi saperne un po’ di più sulle canzoni (che bravi in SEGA hanno messo solo i romaji senza uno straccio di traduzione inglese -.-) c’è l’apposito tag su tumblr!
Non so ancora se farle tutte o solo le canzoni della Hall of Fame, esiste tutta una contorta gerarchia in base al numero di visualizzazioni su Nico >.<

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes