Ultimi Post

martedì 4 marzo 2014

Sempre e solo il solito Hakuoki

Invero avrei voluto lamentarmi solo della Rising ma questo post è rimasto a bagno maria per mesi il che ha portato ben più tristi notizie, ma comunque... Iniziamo con loro :P

Rising Case
Non è una novità che molti dei giochi di nicchia giapponesi che arrivano miracolosamente in italia sono solo in inglese (sempre meglio di quelli che arrivano in inglese, francese, tedesco e spagnolo ma non in italiano o in un italiano improponibile) e spesso non hanno nemmeno il doppiaggio inglese (non che sia una tragedia ma ho recentemente scoperto che in america è “vietata” la vendita fisica di giochi mainstream sprovvisti del dub eng).
Spesso la localizzazione non è nemmeno fatta nel vecchio continente ma si limitano a importare ufficialmente la versione americana e questo vuol dire che basta prendere la versione in inglese e cambiare una riga di codice in modo che il gioco venga “letto” come PAL, poi al massimo c’è anche da aggiungere il proprio logo sulla confezione e nell’intro ma in soldoni si tratta di stampare e distribuire delle copie e forse gestire malamente un minimo di DLC o patch (il più delle volte anche quelle copincollate dalla versione americana).

Quindi perché talvolta sono incredibilmente acida nei confronti dei distrubutori europei? Principalmente per due cose: fingono di distribuire e la gente li osanna come dei in terra immeritatamente.
Domanda: Perché Persona 4 è famoso?
Risposta: Perché è Square Enix! (no cojone, la square si è limitata a distribuirlo in europa c’ha messo meno soldi che a far fare i Valkyrie Profile).
Che poi parlando di Shin Megami ci sarebbe da rinnovare il mio odio per la Ghostlight, anzi l’odio generalmente europeo, ma stranamente ultimamente mi sono ritrovata a pensare che la Rising sia peggio di loro.

La Ghostlight è odiata da tutti, distribuiscono a cappero in tutta europa, ti fanno aspettare una vita e poi (come con l’overclock) fanno uscire dei giochi che NON funzionano e giù a patcharli di fretta!.
Tutti li odiano, anche per quanto lucrano sugli Agarest, quindi non si pone troppo il problema dei “fan osannanti” e per quanto la distribuzione in casa Ghostlight vuol dire stampare 100 copie e darne 3 a Amazon co.uk, e 2 agli altri Amazon ma se non altro è universalmente riconosciuto che basta mettere qualcosa nel carrello del loro sito e te lo spediscono praticamente in tutto il mondo, senza contare che per lo meno la Ghoslight finge di fare la limited edition (anche se spesso si tratta di un posterino sega e poco più).
La Rising invece viene osannata a furor di popolo e talvolta distribuisce dignitosamente (come nel caso di Virtue) ma ultimamente ha trovato la gallina dalle uova d’oro ovvero stampano le medesime 100 copie, che si e no girano nell’anglica isola, e poi? Ovviamente digital! Quindi possono farsi belli dicendo di aver fatto la versione retail (fotocopiata dall’americana) ma hanno 0 problemi di distribuzione, questo senza contare che in casa Rising la limited edition non esiste ma c’è il rischio che la base costi quanto una limited (why?) inoltre la Rising è vagamente più grande della Ghostlight visto che ha una sede inglese e una americana.

Cooooomunque, questo è quanto è successo con con Hakuoki: Memories of Shinsengumi (ma anche col recente Saga Curry) gentilmente venduto a 29.90€ sull’eshop (al momento è al 50% il che mi ha irritato ulterirmente perché fare i saldi natalizi come tutti era troppo da sfigati) e fisicamente importabile in tutto il vecchio continente, per una volta non è solo l’italia ad essere sfigata.
Prendendolo su amazon co.uk costa circa 33€ con annessi costi di spedizione, mentre su l’it credo ci sia l’import dell’import dell’import a 43€, sinceramente non mi avrebbe interessato (la Aksys i suoi otome per psp li ha fatti solo digital in europa e se li è auto-distribuiti) ma il 3DS è amabilmente “region lock” e stupidamente avevo sbandierato questo Hakuoki come primo “vero” otome giunto in europa, così non è propriamente stato, grazie tante Rising.

Aksys Case
Non mi ricordo se l’avevo scritto anche qui sul blog, in uno dei tremila post su Hakuoki, ma di certamente ho fatto più di una volta una battuta tipo “valli a capire i giapponesi che comprano volentieri ennemila volte il medesimo gioco” questo riferito principalmente al primo Hakuoki, uscito inizialmente nel 2008 per PS2, poi rifatto per PSP, poi per DS, poi per 3DS e infine per PS3 (si perché il Junsouroku è sempre la solita solfa).
Temporalmente la versione 3DS è l’ultima uscita in giappone mentre in casa Aksys c’è la versione PSP poi il 3DS e infine... la versione PS3, con mio sommo orrore dopo aver detto che non avrebbero più tradotto otome per psp (causa mercato morto –ma allora che razza di partnership con l’otomate è?-) hanno avuto la brillante idea di ri-portare il solito gioco per la terza volta *facepalm*

Le differenze tra le varie versioni del primo Hakuoki sono minimali, a grandi linee la storia è la stessa e han giusto migliorato qualcosa nella resa grafica (soprattutto rispetto alla versione PS2 che era in 4:3) e aggiunto nuove superflue modalità (come le snapshoot sul 3DS), inoltre credo che parte di questa ridondante-ridondosa-fotocopia multipiattaforma sia a causata in parte anche da mamma sony e mamma nintendo che volevano l’otome di punta sulla loro console (anche perché la otomate solo gli Hakuoki ha fatto per altre console, ancora oggi continuano a rilasciare la madonna mensile solo per PSP).
Quindi in occidente tre otome sono giunti e sono praticamente il medesimo gioco, per di più su 3DS ho seri problemi a leggerlo senza che mi si friggano gli occhi.

C’è comunque da dire che la limited Aksys per Hakuōki: Junsouroku (rinominato Hakuoki: Stories of Shinsegumi) è da triplo *sbav* visto che si tratta di una ampia scatolazza che comprende il gioco, il ferma capelli, il pettine e il portafortuna Chizu-style (ma non le carte e i bonus disc della versione giapponese) il tutto per 60$ e presumibilmente in uscita quest’estate! Insomma il prezzo è più che decente ma d’altro canto ho anche notato che sul sito ufficiale si parla di DLC (la versione gipponese ne ha un monte e solo in minima parte gratuiti), sinceramente non so se ridere o piange... La solita storia, ma in 1080, con una limited da urlo ma anche coi DLC? Senza contare che questo Hakuoki è uscito nel 2010, in giappone, e posso capire il non fare più otome per PSP ma, cazzo, almeno traduci l’Hakuoki uscito nel 2012 che è la versione PS3 del Reimeiroku! (aka il sequel-prequel di Hakuoki, se non altro NON è la solita storia).

Fatto sta che, nonostante l’abbia omesso, a dicembre scorso l’otomate ha fatto uscire per PSV Hakuōki: Kyoukaroku, leggasi sempre il solito primo Hakuoki riproposto per la quinta volta ma su console diversa, che ha venduto bene (tanto che tra un mesetto esce lo spin-off scolastico di Hakuoki nome in codice Hakuōki SSL: Sweet School Life) e c’è sempre il rischio che a costi di localizzazione 0 la Aksys riproponga anche quello...
Quindi, vi prego, qual’ora qualcuno (tipo la Rising) portasse in italia le “Storie della Shinsegumi”, bellissimo gioco per PS3, magari solo digital,  fate finta di non vederlo e se proprio lo volete importatevi la limited americana almeno avrete una finta scatola tradizionale con dei finti aggeggi per capelli oltre al solito identico gioco... (spendere 50€ per avere 2 scene in più mi pare una ladrata, ma ognuno è libero di scegliere cosa vuole)

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes