Ultimi Post

domenica 23 marzo 2014

Mardock Scramble 7

Ormai è assodato la GP non ha intenzione di far uscire l’ultimo volume di questa serie, sinceramente da quando si sono fusi con la J-Pop non mi stupisco più di nulla ma non sono qui per ri-esternare il mio odio per uno degli editori più osannati a furor di celebrolesi.
Visto che non mi sembrava il caso di lasciare Ballot nell’oblio, ora che finalmente aveva per le mani i ricordi di Shell, ho cercato di recuperare il volume edito in america dalla Kodansha Comics (yep, in america conviene ancora aprire una divisione ufficiale *fufu*) purtroppo all’inizio la situazione sembrava un po’ disperata a causa del costo stesso del volume (circa 11 dollari in america e 12, il solito +1, in canada) e delle spese di spedizione, senza contare il dover pregare la dogana di non rovinarmi la giornata... In mio soccorso è venuto il santo Book Depository dall’anglica isola che mi ha spedito per 4€ di costi di spedizione uno dei loro volumi in magazzino, per di più Mardock Scramble 7 costava circa 3 sterline visto che si tratta di un volume uscito da un po’ di tempo, così con circa 8€ ho potuto leggere la fine di questo fumetto e magari iniziare a leggere la novel (anche se in inglese per ora han fatto solo il primo di 3 volumi, per di più con una cover improponibile).

Differenze tra le due edizioni:
Sinceramente i volumi Kodansha Comics USA non mi hanno mai fatto impazzire col loro lettering ai minimi termini (un unico font talvolta non propriamente azzeccato, e gli SFX giganteschi messi accanto agli ideogrammi originali) ma se non altro ci si aspetta che rispetto a una società totalmente esterna siano più affidabili e ligi al dovere.
Il volume americano costa decisamente più della nostra edizione ma tanto per cominciare non subisce la cover sdoppiata (fronte e retro uguali, la scusa ufficiale della GP è stata che così le edicole italiane mostravano sempre una facciata accattivante anche se mettevano in mostra i manga al contrario, seguendo la normale lettura occidentale) e la carta è decisamente più spessa e priva trasparenza, anche la cover è decisamente più rigida senza contare che generalmente non ci sono sbafature e altri errori di stampa anche se la carta più spessa e pregnante rende il tratto un po’ troppo peso che sommato al formato più alto rende più evidenti i limiti di Oima.
Alla fine, nonostante la differenza di numero di pagine tra il volume 7 e gli altri sia irrisoria, il volume americano è praticamente alto come tre italiani il che mi porta a chiedermi nuovamente quale idiota abbia deciso di fare in edizione da edicola un fumetto schizzato quale Mardock che ovviamente non ha venduto quanto Say I Love You o gli altri della gamma fornendo così una scusa per abbandonare la serie al suo tragico destino... *sospiro*

Cosa accade nel capitolo 27:
Avevamo lasciato Ballot in uscita dal casinò, dopo aver recuperato tutte e 5 le memorie di Shell aveva perso di proposito restituendo le fiche alleggerite.
Ovviamente una volta fuori Humphy, l’uovo volante, non da segni di vita così Belle fa fuggire lei e il Doc giù per il porta vivande e affida loro la sua vagamente appariscente automobile.
Purtroppo uscire dal parcheggio non è facile, è un vero e proprio labirinto e Boiled è già alle loro costole, così invece di scappare Belle detta a Ballot le indicazioni.
Durante l’inseguimento, in cui Ballot riuscirà a fuggire, assisteremo anche ad alcuni flashback di Boiled ai tempi in cui era un militare, tra pillole e compagni morti alla fine fu proprio Oe a salvarlo dalla follia, almeno all’inizio.

Cosa accade nel capitolo 28:
Si inizia con un flashback di Shell, a letto piange e la sua bella mammina (una delle poche cose che ricorda, come anche l’incidente d’auto in cui morì) lo consola.
Ossessinato dal suo ricordo ha fatto incastonare i pochi resti rimasti di lei nell’anello che porta al dito e che gli ricorda il suo incenssante desiderio di essere il padrone della città.
Accanto a lui c’è Octavia, la figlia un po’ decerebrata di October padrone del casinò e della società che praticamente controlla la città, non ci vuole molto per far diventare la poverina la futura promessa sposa di Shell il cui secondo pensiero è come liberarsi di lei in modo da avere tutto per se.
Ovviamente Ballot e Doc appena leggono la notizia capiscono cosa vuole fare e la ragazza si mette subito a visionare i ricordi recuperati e così rivede la morte dell’infermiera, la sua morte e così via andando sempre più indietro nel tempo finché non giunge al primo omicidio commesso da Shell.
Diana, una sua amica, subiva continuamente degli abusi dal padre e così Shell lo uccise solo per scoprire che l’amica si era già tagliata le vene, su questa scena spiacevole arriva October che molto candidamente accusa Shell di aver ucciso anche l’amica a causa della sua insensibilità e inoltre gli dice che il suo cervello è danneggiato e perde pezzi per la strada a causa di una pratica chirurgica fatta a tutti i bambini dei bassifondi, usati al pari di cavie, e infatti poco dopo scopriamo anche che in realtà la madre di Shell non era affatto una bella e gentile donna ma un enfio maiale che violentava il figlio ed è stato lui ad ucciderla spacciando la cosa come un incidente.
Dopo 23 ore di orribili ricordi Ballot non sa più chi sia il vero cattivo della situazione.

Cosa accade nel capitolo 29:
Doc sta ancora aspettando che Humphy ritorni, intanto Ballot e Oe hanno una mezza scena imbarazzante quando lui la vede nuda uscire dalla doccia improvvisata, poco dopo giunge una bambina con una maschera da polipo che prende in ostaggio Doc anche se in realtà l’arma che tiene in mano è finta (e illogicamente in borsa quella vera).
La piccola è solo una messaggera e se non riuscirà a convincere Ballot ad andare nel luogo predestinato tanti altri bambini cenciosi come lei moriranno, Ballot decide di andare e spezza la cimice con cui li sorvegliavano.
La piccola li porta in un bar, pieno zeppo di uomini dagli intenti omicidi, e dove i loro drink vengono drogati ma nonostante Ballot lo avvisi Doc se lo scola in un colpo, addormentadosi, in modo da non esserle d’intralcio.
Dopo aver evitato pallottole e messo KO diversi uomini la ragazza li avvisa di avere un arma ben più potente e quelli se ne vanno, a quel punto October chiama il barista che passa il telefono a lei.
Sulle prime October cerca di dare tutta la colpa a Shell ma Ballot e Oe sanno bene chi ha manipolato chi, stufa della discussione la ragazza lancia uno sgabello contro il finto specchio del locale rivelando una stanza segreta in cui October si trastulla con un branco di ragazzini e ragazizne nutriti a pillole.
Visto che così sta infrangendo una quantità spropositata di leggi non può che finire arrestato all’istante ma anche in questo caso se la ride e si stente un vincitore, ha già ordinato a Biloed di uccidere Shell in modo che non esista un imputato da accusare per gli omicidi.

Cosa accade nel capitolo 30:
Shell sente alla tv la notizia e rifiuta caldamente la cioccolata della sua sposina (ora diventata inutile) visto che anche lui prende le pillole.
Oe lo contatta e gli dice che Boiled lo vuole uccidere, assurdamente ora a Ballot tocca proteggere il suo assassino che però sembra insensibile pure alla sua stessa morte e chiama Boiled tranquillamente e altrettanto calmo l’altro gli dice che è vero (nonostante siano stati compagni fidati per tanti anni) inoltre tutti al momento stanno usando Shell come mera esca.
Distratto da questo giro di chiamate Shell non si accorge che Octavia gli ha buttato via le pillole nella vasca e dopo averci scherzato un po’ su ammazza anche lei e la lascia lì a galleggiare.
A ritrovare il cadaverino sarà proprio Ballot che rimane sconvolta e intuisce che anche lei, come tutte le vittime di Shell, è stata vittima di abusi da parte del padre, l’unica cosa positiva è che ora Shell può essere accusato di un’altro omicidio.
Ballot si fa inviare i ricordi e dopo aver lasciato sfogare un po’ Shell con la pistola glieli impianta a forza mettendolo KO pochi istanti prima che Boiled giunga sulla scena.

Cosa accade nel capitolo 31:
A Ballot va benissimo per colazione del pane senza marmellata, mentre Doc continua a dormire e Oe è lì accanto a lei, non le serve altro dalla vita...
Inizia lo scontro con Boiled, dopo una fuga precipitosa nasconde Shell in un cassonetto e invia le coordinate a Doc poi promette a Oe di non morire e di non farlo più soffrire non uccidendo più nessuno, compreso Boiled.
Inizialmente il campo di gravità di Biloed mette a dura prova Ballot che poi usa le sue abilità per trovarsi un varco ma appena riesce a fargli qualcosa (gli fa saltare via una gamba) Boiled contrattacca con una bomba a onde elettriche che manda in tilt gli impianti di Ballot e la fa soffrire immensamente finché non riprende il controllo anche se Bolied la massacra e alla fine la mette spalle al muro.
Non le resta che sparargli, Boiled si tiene Oe puntato contro, o sia lei che Oe moriranno ma nonostante Boiled pensi che pregherà per la sua vita Ballot lo supplica di lasciar vivere almeno Oe, visto che lo ama.

Cosa accade nel capitolo 32:

Boiled accetta e dopo aver disarmato e lanciato via Ballot le punta contro Oe, visti i sentimenti della ragazza è il minimo che sia l’amato a toglierla di mezzo; ma Ballot ha preso la pistola di Boiled e lo finisce con quella.
Doc arriva a recuperarla e Ballot gli dice le ultime parole di Boiled, sulle prime il Doc cerca di essere allegro come al solito ma alla fine non riesce più a fingere e piange.
Nel finale Shell viene ritenuto colpevole di tutti i capi d’accusa, ma tanto ormai la sua mente è devastata e a mala pena capisce cosa gli sta accadendo.
Ballot si interroga sulla vita e intanto ricorda tutti coloro che ha incontrato in quegli ultimi giorni mentre cammina per la fiera in compagnia di Oe; adesso è intenzionata a cambiare la città in modo che nessuno debba soffrire come lei o Shell e di certo insieme a Oe di certo riuscirà nei suoi intenti.

E con questa scena, Ballot che osserva la città davanti a se e Oe che le dice che insieme ce la fatanno, si chiude un po’ troppo candidamente questa serie e questo suo ultimo volume a base di pillole e ragazzini stuprati, all’otaku italiano medio non resta che sperare di vedere un giorno questo volume sugli scaffali nella sua solita edizione a sottiletta moscia...

(Immagini in upload)

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes