Ultimi Post

giovedì 3 ottobre 2013

Tutte le “Alici” di Carta - Bloody Ace

Della serie, post dimenticati nel limbo, nello specifico quanto segue è stato scritto nei primi di Agosto, quando fisicamente sono arrivati i volumi... Visto il ritardo sarebbe stato meglio aggiornare il testo e parlare anche dell'edizione giapponese, visto che come si intuisce da questo tumblr ora ho i manga dell'Heart No Kuni in 3 versioni (edizione italiana, edizione americana e edizione giapponese), ma sinceramente ho altro per la testa e al 90% Heart no Kuni no Alice ~ Koisuru Ibara no Meikyuu ~ (Alice in Heartland ~ Il labirinto di spine innamorate~) verrà scansito e tradotto in italiano, non credo la GP intenda far uscire altri volumi nell'immediato futuro, e anche se non sarà possibile contare sul supporto del gruppo inglese (tal volume è stato recentemente licensato dalla Seven Seas) vedrò di farlo in qualche modo >.<
In breve, non si parla qua di tal volume (ad Agosto non ancora giunto a casina) ma se ne parlerà in futuro (probabilmente :P), e ora torniamo al vecchio post dimenticato!


Ma esiste ancora questa “rubrica”? Pare di si, dipende un po’ da come tira il vento o più probabilmente da cosa giunge col corriere.
Prima di sparlare un po’ della QuinRose vorrei aprire un inutile parentesi:
in meno di una settimana (e siamo pure in periodo di ferragosto) mi sono arrivati due volumi della Seven Seas, editore americano che ora si occupa dei vari Alice da quando la Tokyo Pop ha chiuso i battenti (a voler esser precisi la Yen Press ha rilevato i diritti Tokyo Pop e a finito Heart no Kuni e Fanatic Rabbit mentre la Seven si occupa dei volumi unici e delle serie Clover e Joker) in compenso in due anni e passa non è arrivato Noein che è un fumetto italiano di un editore italiano... Oooooook, torniamo ad Alice.

In attesa dell’arrivo di Heart no Kuni no Alice: Koisuru Ibara no Meikyuu (uno degli ultimi volumi unici usciti in giappone, si tratta di un JuliusXAlice) ho messo la mani su Clover no Kuni no Alice: Bloody Twins e Clover no Kuni no Alice: Heart no Kishi appunto in edizione americana Seven Seas (tanto che ci sono dei gruppi inglesi che ancora ne fanno il manga scan perché non è licensed nel loro paese) i volumi costano la follia di 13.99$ (15.99 in Canada XD), circa 10€ che però amazon mi ha fatto a 9 (o erano quelli da 6€ della Book Depository? Non ricordo).
Mentre in italia Clover no Kuni no Alice è diventato “Alice in Cloverland” in inglese è Alice in Country of Clover (allo stesso modo Heart no Kuni da noi è in Alice in Heartland e in inglese Alice in Country of Heart).
Le edizioni americane non sono mai eccelse e se si tratta di un prodotto di nicchia il prezzo lievita in automatico, mentre da noi più o meno sono tutti standardizati in 2-3 fasce (ed è appannaggio della Planet far lievitare poi il prezzo se un manga non vende quanto vorrebbero); tanti otaku italiani si lamentano degli editori italiani, spesso e volentieri a sproposito, ma perché molti non guardano cos’altro passa nel mondo occidentale tipo le tanto belle e “sbavose” edizioni francesi cartonate con le copertine in rilievo con dentro traduzioni improponibili, pagine a colori fake e compagnia bella... Tutto sommato da noi c’è un buon rapporto qualità-prezzo, complice il fatto che siamo uno dei più grandi stampatori di carta straccia del mondo.

I volumi inglesi, sia Yen che Seven, hanno un formato simile a quello dei volumi unici della GP (15x21 non 13x18 come Alice in Heartland), niente sovracoperta ma solo copertina rigida lucida e dentro le pagine a colori sono belle rigide (forse anche troppo, tra la loro e la cover non c’è tanta differenza) mentre la carta delle altre pagine non è niente male, spessa tanto da rendere i volumi inglesi alti il doppio di quelli italiani; anche se i neri non sono il massimo ma almeno gli inglesi hanno tradotto tutto compresa la pagina dei profili e i trafiletti di alcuni intermezzi.
Ho deciso di comprarli in questa versione perché non mi sembra che la GP intenda tradurre cose nuove di Alice, suppongo perché ormai il fenomeno è passato e i volumi unici scorsi non devono aver venduto gran che (ma ci credo, salvo io e altre 2 penso che nessuna lettrice sapesse degli altri otome della Quin).
In realtà non capisco perché abbiano fatto così tanti “Alice in Heartland Love Fables” (Renai Otogibanashi in giapponese) che ovviamente avrebbero lasciato perplesse le masse essendo composte da mini-oneshot ambientate in un po’ tutti i giochi Quin, e non solo Heart no Kuni, per di più sono volumi fatti da autrici totalmente sconosciute e talvolta nemmeno un gran che a disegnare.

Alice in the Country of Clover: Bloody Twins (Clover no Kuni no Alice: Bloody Twins) è un volume unico incentrato su Dum e Dee ed è pure della Mamenosuke (autrice del volume unico Anniversary, della serie sul Gatto del Cheshire e del secondo Joker, ecc...) e per circa 3/4 di volume narra un po’ la storia con protagonisti i due gemelli che alla fine passano in modalità adulta e diventano due assurdi pervertiti (sinceramente sono le route più perverse sempre e comunque o sarà il ménage à trois shota a farle sembrare tali).
Non lo adoro come pairing, l’AliceXTwins, perché mi sembra eccessivo soprattutto quando sono adulti il fatto che beh... Manco se la litigano, e lei non sceglie uno dei due ma si prende il pacchetto completo O.o
Nel resto del volume c’è una breve Boris side (d’altro canto è l’autrice della Cheshire Neko to Waltz), qualche pagina per la povera Vivaldi e un capitoletti finale su Blood.
La cosa che mi ha lasciato un po’ perplessa è che a fine volume c’è la pubblicità, ok non è una novità e posso considerarlo normale pubblicizzare un prossimo volume della serie (appunto il primo dei sette del Cheshire Neko to Waltz) ma c’hanno messo pure qualche pagina di preview di un manga old-style che non c’entra un tubo (O.o) roba da far rimpiangere la Planet che fa le pubblicità a colori ma non mette le pagine a colori nel volume XD (o la sequela di puzzolenti pagine nere J-pop style).

L’altro, Ace of Heart, è ovviamente incentrato su Ace e Alice, l’avevo già letto per intero perchéuno dei principali scan inglesi per Alice l'aveva concluso ma l’ho preso comunque perché è sempre della Mamenosuke, la mia autrice preferita per le “Alici”, anche più della Hoshino Soumei (disegnatrice dell’Heart no Kuni base) perché a differenza di quest’ultima è ancora attiva nell’adattare cose QuinRose ed è pure una doujinka del circle East Scandal e si sa alla Suppy piace vedere le doujinka che tentano di diventare mangaka a tutti gli effetti.
Anche in questo caso 3/4 del volume sono per la storia principale, divisa sempre in due capitoli che narrano una specie di AceXAlice con Gray che si mette nel mezzo, il che la rende più tollerabile (Ace è troppo schizzato e finto stupido per i miei gusti -.-).
Nel resto del volume c’è Crimson Empire, una breve EdwardxSheila seguita da una BryonXSheila e un micro omake per il povero Marshal.
Come nel volume precedente alla fine, santa Seven, ci sono alcune pagine di preview di una cosa che non c’entra una mazza.


Comunque non capisco perché questi due volumi non siano arrivati da noi, la Mamenosuke è un minimo conosciuta in italia e i volumi sono abbastanza validi e trattano appunto di storie ambientate nel “no Kuni” o “Crimson”, manga entrabi già portati in italia in un modo o nell’altro e quindi anche se sono volumi unici fanservice sono comprensibili a chi ha letto i manga principali in cui spiegano un minimo l’ambientazione... E invece no... Sono usciti gli Renai Otogibanashi per di più con ogni volume fatto da persone diverse tanto che Gray ogni tanto è Grey, con alcuni volumi ben ripuliti e altri no e strafalcioni randomize di traduzione...
Ma nemmeno l'edizione Seven è priva di difetti, se fosse possibile prendere la traduzione inglese e infilarla nella "confezione" italiana sarebbe perfetto ma va beh, non si può aver tutto nella vita.
*nod*

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes