Ultimi Post

venerdì 7 settembre 2012

[Dossier] Megaten: Megaten I - II

A chiunque interessi il post originale è qui, visto che era poco "newbie friendly" ho deciso di riscriverlo.
La differenza tra le due versioni è che in questo caso mi perdo meno in chiacchiere, vado dritta al sodo e non spoilero mezza trama facendo commentini e battutine. Inoltre tratto un "filone" per post.


Tutto nacque da una grande palla di fuoco, datata 1987

Megami Tensei, 女神転生, ovvero "La reincarnazione della Dea", è una vetusta serie di jrpg originariamente ispirati ai romanzi di Aya Nishitani.
La serie si chiamava Digital Devil Story e comprendeva:
- Digital Devil Story: Megami Tensei (デジタル・デビル・ストーリー 女神転生, La storia del diavolo digitale: la reincarnazione della dea); che ispirò inizialmente la serie di videogiochi
- Digital Devil Story 2: Warrior of the Demon City (デジタル・デビル・ストーリー2 魔都の戦士, Il guerriero della città demoniaca); Megaten è ambientato alla fine di questo volume
- Digital Devil Story 3: Demise of the Reincarnation (デジタル・デビル・ストーリー3 転生の終焉, La fine della reincarnazione); volume conclusivo della trilogia
Inutile soffermarsi troppo sulle novel, che diedero l'ispirazione iniziale, ma che poi finirono un po' nel dimenticatoio, infati solo il Megami Tensei I e II (e il loro remake, Kyūyaku Megami Tensei: Megami Tensei, che comprendeva entrambi icapitoli) sono ispirati alla novel, e uscirono sul finire degli anni 80 fino al Kyūyakuè del '95.

Poi al nome Megaten (abbreviamo) si accostò la controversa parola Shin (che può essere inteso sia come "nuova" che come "vera", nonostante siano 2 ideogrammi totalmente diversi il suono è lo stesso) e così nacque quello che un po' tutti conosciamo adesso, ovvero la terza serie di jrpg più importante e datata, insieme a Final Fantasy e Dragon Quest.

Bonus, la trama dei Megaten Originali
Akemi Nakajima, studente frustrato, servendosi di magia e tecnologia crea un programa "Evoca Demoni" per vendicarsi e portare i demoni nel mondo, ma ben presto la situazione gli sfugge di mano infatti a capo delle truppe demoniache ci sono Set (invero evocato da un programamtore americano) e Loki, bramosi di dominare e governare la terra.
Yumiko Shirisagi, compagna segretamente innamorata di Akemi, sacrificandosi riesce a togliere di mezzo i due demoniaci signori, ma per non essere da meno anche Lucifero vuole la libertà e così trascina i due protagonisti nel Makai/inferi e cerca di soggiogarli per usarli come via d'uscita.
Yumiko e Akemi si trovano così a dover fronteggiare i demoni del Dedalo e cercare di diventare abbastanza forti da sconfiggere Lucifero in persona.

Nel 199X il mondo fu devastato dai continui bombardamenti missilisti e i pochi sopravvissuti costretti a vivere in cadenti rifugi, nel 2036 due ragazzi del Terzo Rifugio, stanno giocando al videogioco Devil Busters e riescono a sconfiggere facilmente il primo boss, ignori di star per scatenera una tragedia visto che si tratta dell'ultimo resto del programma di Akemi.
Finiscono con evocare nuovamente le armate demoniache, che devastano il rifugio e i suoi abitanti, e ai due giovani tocca salvare il mondo dal disastro che loro stessi hanno generato.
I due protagonisti sono nuovamente un eroe e un eroina, ma questa volta senza nome ufficiale.

Info aggiuntive
Izanami (il persona del protagonista di Persona 4) fa la sua comparsa fin dal primo capitolo della serie, anche se in veste ufficiale, ovvero come Dea Madre Shintoista, infatti Yumiko è la sua reincarnazione.
I Megaten avevano finali multipli, e le principali azioni erano parlare, combattere, e imbrigliare/fondere demoni da usare negli scontri.
I Megaten furono gli unici della serie ad essere sviluppati da Atlus ma pubblicati da Namco (che aveva rilevato i diritti sui romanzi), mentre il remake fu fatto interamente da Atlus, come tutti gl ialtri capitoli della serie.
Nessuno dei 3 Megaten (i 2 originali + il remake con entrambi) è stato distribuito fuori dal Giappone

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes