Ultimi Post

martedì 24 luglio 2012

Catherine - Recensione e Segreti

Nota: quanto segue è prima una breve recensione/spiegazione del suddetto gioco poi una raccolta di informazioni e segreti, in breve spoiler. E'... venuta una bella pappardella lunga...

Catherine giunto il 10 Febbraio
in Italia, il distributore EU è
stato DeepSilver. (circa 60€)
Cos’è?
Un maledetto videogioco per xbox e ps3 (grazie a dio senza dlc) della Atlus, esperimento che fonde una specie di visual novel / social link alla persona (ennemila scelte che influenzano il rapporto con gli altri) con un fastidioso puzzle game a cubotti.
Uscito a Febbraio 2012 è uno dei pochi giochi che la sottoscritta abbia mai comprato al day one, no aspetta è più importante dire che l’ho finito in così poco tempo (solitamente passanno anni, se mai mi vien voglia di finirlo).
Tempo finale di gioco: 70h, Rapunzel e Babel fatto, Oro a tutti i normal stage e tanto sudore (i walk sono per gli sfigati!).
Versione provata: Ps3 (tanto per la cronaca per xbox c’è un maledetto mod save che ti fa mettere l’oro automatico e tanto altro).
La ridicola cover censurata
per gli USA (-.- sono malati)

Com’è?
Per farla breve ci sono due modi di vedere Catherine:
uno è la prima partita in cui rantoli stage dopo stage,
il secondo è quando lo giochi solo per il gusto di vedere le differenze.
Catherine non sarebbe male, ha un alta rigiocabilità (soprattutto le prime due partite se fatte per bene risultato totalmente diverse tra di loro) e delle idee originali e simpatiche (es. la faccenda degli sms) ma anche non pochi difetti insopportabili e incogruenze (tipo... perché ti possono chiamare solo loro?).
Non ha una grande durata a partita, infondo si tratta delle vicende di 8 disastrati giorni di un programmatore immaturo, ma ha ben 8 finali e tanti testi/dialoghi differenti a seconda delle scelte karmiche fatte via via, senza contare Rapunzel (il gioco nel gioco).
Il più grande difetto però è proprio il gameplay, non per un fatto di fastidioso senso di retrò nello scalare le pareti a blocchi, ma principalmente a causa della telecamera e dei comandi un po’ stronzi (basti pensare che anche la pausa ha un certo ritardo, tu pigi e speri, un po’ come quando devi spostarti aggrappato ai blocchi e preghi che vada nella giusta direzione).
Si nota la gestione troppo semplicistica delle parti puzzle soprattutto durante i boss (in particolare il primo Mutton) in cui a causa dell’annulla ultima mossa il boss appare chi sa dove e ti toglie di mezzo con una piedata (quando magari stava sparando).
La difficoltà, anche in facile, non è affatto da ridere e se fino allo stage 6 si va avanti senza grandi problemi dopo scordatevelo, ogni blocchetto sarà sudato e ponderato con lo stress del pavimento che vi scompare sotto ai piedi (secondo me in alcuni punti senza oggetti manco potresti andare avanti).
E’ anche vero che se però si saltano i puzzle (facendo l’Oro) Catherine diventa una lunga cutscene che annoia dopo un po’, ciclicamente obbligati alla routine di Vincent fatta di bevute al bar (unica zona “real” eslorabile) e teste sbattute nel bagno aziendale, nemmeno i lievi cambi di dialogo spezzano la monotonia.
Graficamente non è niente male, le cutscene animate dello Studio 4°C sono tante e graficamente gradevoli oltre che fedeli alla grafica di gioco, al coltempo la grafia cartonata-anime (col solito chara Atlus degli ultimi anni) è fluida e piacevole senza però essere semi-real e ultra dettagliata, insomma sembra di guardare un anime in cg ben fatto (anche se ogni tanto i personaggi fanno delle espressioni assurde o comunque il dub eng stona).
Quindi in breve sarebbe un gioco bello e coinvolgente se i puzzle non fossero odiosi e dispersivi, inoltre una variazione di ambienti e azioni non avrebbe fatto schifo visto che è un evidente gioco da fare più e più volte per svelarne tutti i misteri (senza contare Rapunzel, che comunque odio).

Pro & Contro:
+ idea originale, un mix intrigante di generi
- forse un po’ troppo agli estermi opposti i generi
+ grafica simpatica e buoni spezzoni anime
- caricamenti ottimizzati il giusto e continui
+ otto diversi finali
- peccato che spesso siano l’uno la versione allungata dell’altro
+ bar, amici, videogame, musica e un bagno in cui guardare foto sconcie
- unica zona “camminabile” (il resto appare solo nelle cutscene) ed è pure ripetitiva -.-
+ sms, scelte di vita e le domande del confessionale, fanno riflettere e divertire
- ma talvolta non ha molto senso da che lato pende il karma, senza contare che mentre carica il diagramma a torta dei voti altrui non carica il livello successivo -.-
+ vita moderna, routine, ma anche demoni e spazio
- cathe figlia del re dei demoni e il freedom true sono un po’ eccessivi, senza contare gli intrecci storici tra le pecore
+ poter salvare della gente parlando e facendo la giuste scelte
- nonostante l’alta possibilità di personalizzazione della storia alcune scelte sono obbligate e un po’ forzate (es. se il mio Vince insulta Kathe e slinguazza per sms con Cathe perché di colpo dovrebbe voler diventare un padre affettuoso? Comunque la trama e sottotrame restano ottime e originali)
- difficolta a scalare ‘na ceppa, di colpo diventa praticamente impossibile
- in nessuna delle 3 modalità è possibile accedere a un "teatro" che permetta di rivedere i filmati
- restano comunque tante domande senza la ben che minima risposta
- grande rigiocabilità ma può risultare davvero frustrante rifare i puzzle (evitabili solo se si prende l’oro) e palloso visto il gameplay e la routine assai limitanti

Voto finale: 7.5 perché è un bel gioco ma talvolta sbatti la testa una volta di troppo e non è solo a causa dell’abilità giocatore. Tutti possono dire quello che gli pare, ma mua e le mie 70ore di insulti non daremo mai un 8 a questo gioco.

Trama
[Attenzione da qui in poi spoiler]
Vincent Brooks e un mezzo-scapolo con una eterna relazione con Katherine McBride (si Mc-sposa, il gioco è pieno di giochi di parole, alcuni non resi in ita) che passa le sue giornare dietro al nuovo lavoro che non lo emoziona e le bevute con gli amici, per poi collassare nel suo bucolico e sporco appartamento.
Katherine però (fin dalle prime battute del gioco) sembra voler sbloccare questa ambigua situazione e far maturare il suo non-fidanzato, segnali che Vincent il più delle volte non capta.
Come se non bastasse, pressato dalla ragazza e dal lavoro, Vince inizia a bere fino a tardi al solito bar, lo Stray Sheep Bar (pecorella smarrita bar), ed incontra la giovane e conturbante Catherine.
Se lui inizialmente ci finisce a letto causa sbronza, lei di certo si prende fin troppe libertà mandandogli foto sempre più sconce ed entrandogli in casa ogni volta che le pare.
Il problema, oltre al fatto che sta tradendo Katherine, è che Vince non ricorda praticamente mai cosa a fatto con l’altra, oblio puro, senza contare i terribili incubi che fa ogni notte (anche quelli spariscono al risveglio e non ricorda praticamente nulla) che sembrano collegati alla a una serie di omicidi perennemente al tg e con nuove vittime ogni giorno, tutti uomini.
Altro stress presto in arrivo, Katherine alla fine confessa perché sia più pressante del solito, pare sia incinta e quindi il matrimonio dovrebbe essere dietro l’angolo.

Sballottato tra le due donne Vince inizialmente non riesce a decidersi, poi però (forse grazie alla maturità acquisita durante i sogni-scalata e il rapporto con gli altri, soprattutto un certo Steve, un isterico convinto che gli abbia fottuto la ragazza) decide di prendersi le sue responsabilità e rompere con Catherine per sposare Katherine.
Risultato? Cathe tira fuori il suo lato peggiore e lo picchia fino a metterlo KO, urlandogli contro di tutto e quanto lei fosse disposta a fare per lui.
Vince è nuovamente felice e riposato, anche perché sembra che sia sopravvissuto agli incubi raggiungendo la sommintà della misteriosa torre (che pare un po’ il Tartaro di P3), quando Katherine bussa alla sua porta e lui la fa entrare allegramente, peccato che l’appartamento non sia realmente deserto come pensava ma in realtà Catherine fosse in bagno.
I tre iniziano a discutere, più che altro Vince balbetta, Catherine insulta l’altra e Katherine le risponde per le rime finché non passano ai fatti, assai affilati, e per difendersi Katherine uccide involontariamente Catherine col coltello da cucina.

Vince vorrebbe coprirla e le dice di andarsene ma quando aprono la porta dell’appartamento si ritrovano nel mondo degli incubi e una cubica scalata a due davanti a loro.
Salvata l’amata e raggiunta la cima Vince si sveglia ma convinto che tutto ciò sia accaduto veramente (e quindi non era un incubo) finisce per dire troppo a Katherine che lo lascia visto che la stava tradendo e in realtà non c’è alcun bambino.
Depresso Vince parla con gli amici e scopre che in realtà nessuno ha mai visto Catherine, i suoi messaggi, foto e chiamate sono pure spariti dal cellulare.
Sconvolto Vince cerca di dimostrare che non è matto e che Catherine esiste! Si ricorda che il vecchio barman aveva parlato con lei, lo interroga violentemente e alla fine gli toglie gli occhiali da sole (che porta sempre per “sfuggire a una ex”) scoprendo che in realtà non è umano.
E’ un demone non che la causa dei mortali incubi che sembra servissero a sbloccare le coppie in panne in modo che il tasso di nascita restasse ottimale (sinceramente il matrimonio con le nascite c’entra il giusto ma va beh), non solo Catherine in realtà è una succubus che appare con le fattezze desiderate dall’altro (per questo la Catherine di Steve e Vince erano diverse nell’aspetto).

Vincent lo sfida, se finirà l’ultima scalata gli incubi finiranno per lui e i suoi amici e rivedrà anche Catherine.
Durante la scalata verranno date alcune informazioni aggiuntive:
il barman è in realtà Thomas Mutton (montone) uno che come lui arrivò alla cima e decise di diventare un demone, Dumuzid, e mastro dei giochi-incubi;
Fin dall’alba dei tempi gli uomini infedeli sono stati giudicati da Astaroth, mai visibile chiuso dall’altra parte del confessionale, che non sembra patteggiare per nessuno.
Vince batte, per due volte, Mutton e si aggiudica la vita e il finale deciso attraverso il livello di karma e le ultime 3 domande poste nel confessionale.
I true ending hanno 2 spezzoni animati, i good uno solo, i bad sono brevi e tutti in grafica di gioco.
Katherine True Ending (karma blu massimo)
Vincent riesce a convincere Katherine che non c’è alcuna amante, grazie soprattutto al boss e i suoi amici. Alcuni mesi dopo Vince e Kathe si sposano al bar (so sad) col boss come maestro della cerimonia. Jonny rinuncia definitivamente a Kathe e va alla ricerca dell’anima gemella, Orlando decide di dare una seconda possibilità alla ex-moglie e Toby invece ha scoperto che Erica era un uomo. Nelle immagini dei crediti si vede anche che il boss ha fatto fare una torta “cubo” con delle pecore per sfottere Vince. [trovo sia il più noioso e bruttino di tutti]

Katherine Good (karma blu)
Vincent riesce a convincere Katherine che non c’è alcuna amante, grazie soprattutto al boss e i suoi amici. Alcuni mesi dopo Vince e Kathe sono nell’appartamento di lui, dopo una probabile notte bollente. Lei sta sopra di lui, schiacciandolo un po’, mentre guarda una rivista per matrimoni e non riesce a decidere il vestito, inoltre lei lo esorta a decidere gli invitati del loro matrimonio. Alla fine i due decidono di alzarsi e andare a mangiare “kebab di agnello”. L’ultima formicuzza rimasta lascia la stanza di Vince.
Katherine Bad
Vincent riesce a convincere Katherine che non c’è alcuna amante, ma gli amici di Vince non intervengono e Katherine non gli crede e lo pianta in asso. Arrivo Jonny e Orlando a consolarlo, ora è libero e può farsi chi vuole senza problemi di tradimenti et simili, Vince collassa stanco sul tavolo e il boss commenta che gli esseri umani sono proprio patetici.
Catherie True Ending (karma rosso massimo)
Il boss come promesso fa comparire Cathe, nonostante faccia la manfrina a Vince. I due parlano e Vince le dice che vuole sposarla, lei resta sorpresa ma poi accetta felicissima. Appere Nergal (un brutto ridicolo re dei demoni) padre di Cathe che non vorrebbe accettare lo sposo ma la figlia si mette a strillargli contro. Alcune settimane dopo (prima cutscene anime) Vince si sveglia dopo una notte di sesso selvaggio con Cathe ma trova nel letto anche il boss, depresso e con un pigiamino a pecorelle. Cathe gli dice di ignorarlo, anzi con uno che guarda è meglio! L’inquadratura si sposta fuori dalla finestra, dove vediamo la torre degli incubi e quindi in realtà ci troviamo agli inferi. Alcuni mesi dopo (seconda cutscene), Inferi, Cathe vorrebbe marinare il lavoro e restare col suo amato, entrambi sono in forma demoniaca (anche le loro voci sono differenti). Vince ha detronizzato Nergal (ci sta seduto sopra) e si è fatto un harem di succubi. Nei titoli di coda si vedono un po’ di scene “eroiche” di Vince, ancora umano e in mutande, che salva la principessa Catherine. [il miglior finale in assoluto]
Catherine Good (karma rosso)
Idientico a sopra, ma si ferma alla scena nella stanza da letto con la finestra che da sulla torre. Nei titoli di coda ci sono alcune immagini della convivenza tra i due nell’appartamentino di Vince, con Cathe che cucina e frusta il suo sposo.
Catherine Bad
Il boss come promesso fa comparire Cathe, nonostante faccia la manfrina a Vince. I due parlano e Vince le dice che vuole sposarla, lei resta sorpresa ma però non accetta perché sente che Vince non è davvero pronto a quello stile di vita, ma chi sa... se si dovessero reincontrare forse accetterà. Catherine se ne va e di colpo Vince si ritrova nel bar strapieno (prima sembrava vuoto) e con gli amici che accerchiano il suo tavolo, esagitato chiede dove sia Catherine, Orlando gli consiglia di consultare un medico. Isterico Vince inizia a dire che la ragazza sia fuori, Jonny gli da spago per disperazione e Vince corre fuori, si sente il suono di un incidente e Vince caracolla nel bar dicendo che l’hanno investito e di chiamare il 118.
Freedoom Good
Vince è al bar da solo col boss, e ammette di non volere Katherine o Catherine ma voler vivere libero per conto suo e chiede un prestito per iniziare questa nuova vita. Il boss gli propone 500 dollari, Vince ribatte con 50mila così si può comprare il biglietto per il viaggio spaziale (citato qua e la nel gioco) ma il boss non li ha. Allora prende i 500 e li scommette nel wrestling femminile, sulla sfavorita Feather (ferita a inizio gioco) se vince avrà abbastanza soldi, se perde... chissene sono del boss. Quella sera al bar con gli amici Jonny confessa a Vince di avere un appuntamento con Katherine, e qui si capisce che era cotto di lei fin dai tempi della scuola. Parte l’incontro ma Feather perde, Vince non si dispera ma il boss si.
Freedom True (karma preciso nel mezzo)
Come sopra, solo che la lottatrice vince, con estremo stupore del boss. Vince fa le valige, svuota l’appartamento (rimane solo il poster sull’astronave appeso al muro) e lo vediamo, alcuni giorni dopo camminare su un ballatoio sopra una specie di città (forse una miniatura) mentre dalle vetrate si vede lo spazio e un’altra astronave di passaggio, Vince commenta che vivere una vita in cui non si seguono le proprie ambizioni è un modo miserabile di vivere, e si allontana.

Edizione Deepsilver
Strano ma vero, nessuno ci sperava (e molti geni hanno pagato un fottio l’edizione USA, tiè) ma questo gioco è stato portato in europa e localizzato in italiano, in due edizioni (normale e deluxe).
L’edizione “deluxe” (Stray Sheep Deluxe Edition) non era particolarmente costosa, ad essere sinceri costava quanto la media delle versioni base degli altri giochi, e conteneva:
una t-shirt large rosa “Rave” (quella di vince), un poster, i sottobicchieri e lo scatolotto (piccolo) della pizza del bar (inoltre col pre-order del gs mi sono accaparrata la colonna sonora e un booklettino col profilo dei personaggi [eng-fra] e qualche artwork).
Certo non era la "Love Is Over" Deluxe Version USA che conteneva:
l’artbook, il cd+booklet/artbook, la maglietta di Catherine (quella bianca coi cuori), i boxer a pallini di Vince e la federa con Catherine (nel preorder c’era la scatola della pizza in formato vero, non quella EU) ma la nostra costa quasi la metà :P
Ovviamente il doppiaggio è in inglese, peccato non poter mettere il JP, coi sottotitoli in italiano e i testi in ita. Tutto sommato il lavoro non è stato mal fatto, i sub sono coerenti salvo qualche libertà artistica del traduttore, alcuni messaggi sono un po’ troppo letterali o con termini leggermente astrusi ma salvo una scelta col testo invertito non ci sono veri errori.
Il fatto più “disturbante” è che le voci fuori campo, che siano dialoghi di contorno della gente del bar, le frasi dette dai protagonisti durante l’uscita della telecamera, i commenti di Astaroth all’ingresso dei vari stage o le rimembranze di Vince sulla giornata non sono state minimamente sottotitolate, niente di vitale (il più delle volte) o che non si capisca a sentirlo però non ha un gran senso non averli messi.

Curiosità, Segreti e Info
Differenze Orientl-Occidentali
La versione occidentale è più facile (as always) anche se non si direbbe, d’altro canto pure in JP hanno protestato per la difficoltà astrusa di Catherine (ad esempio in normale non c’era l’annulla ultima azione) e fu rilasciata una patch dopo il lancio. Il booklet/artbook Usa-Eu è il doppio in larghezza di quello JP, a causa delle scritte francesi aggiuntive (-.-) ma le illustrazioni sono di più e a colori e non in nero-rosso, però noi abbiamo il cd nel booklet invece in JP aveva la sua custodia (da bluray) con libretto. Il suonino di nuovo messaggio è diverso tra le due versioni, d’altro canto da noi è un sms invece in giappone gli sms non esistono e si tratta di mail. I save file non funzionano sulle altre versioni (usa per usa, eu per eu, jp per jp) inoltre i trofei vengono bloccati se non si tratta di save vostri, i trofei sono collegati direttamente al file di sistema del gioco (ergo se anche avete un save con tutto sbloccato non potrete sentire le canzoni che si attivano facendo certi trofei). In realtà in kanji non c’è differenza tra Katherine e Catherine e questo rendeva il gioco assai più ambiguo.
Jonny:
Inizio da lui perché... ha la voce di Zhou Tai (DW) non particolarmente intonata al personaggio, a mio parere, mentre in jp è Takehito Koyasu!! (no ok Olive-Jonny forse era pessimo XD). Jonatah Ariga, detto Jonny, è segretamente innamorato di Kathe da sempre ma non ha mai minato il rapporto tra lei e il suo miglior amico (salvo quando vien fuori che Steve porebbe essere l’amante di lei e allora propone a Vince di piantarla). Nello Stage 6 appare la sua sfumacchiante versione belante, capitata lì perché nonostante non tradisca fisicamente la sua ragazza (poveraccia viene citata per gli spregi che gli fa ma mai vista) nella sua mente c’è sempre Kathe. Mentre nel Kathe True ending rinuncia a lei negli altri “causalmente” finisce con uscire con lei anche se poi prende un due di picche perché l’altra è ancora innamorata di Vince. Jonny lavora nella ditta del padre, Toby è un suo dipendente, ma ultimamente è stressato e beve di più a causa di una fusione che sembra inevitabile, e la sua bevanda è il sake. Il suo cognome, Ariga è molto simile a arigaku ovvero “studio delle formiche” e non è un caso.
Toby:
Tobias Nebbis e il più giovane della banda (appena ventenne) e meccanico alle dipendenze di Jonny. Ama le donne dominatrici, magari con un bel paio di tacchi e dopo essersi fatto coraggio ci prova con Erica e perde la sua verginità con lei. Esagera, racconta alla madre di Erica e si fa prendere da Rapunzel però è l’unico a non subire gli incubi visto che ama alla follia solo Erica, vorrebbe metter su famiglia (anche per far felice la mammina) ma con Erica ovviamente non può. Nonostante si lamenti di aver perso la verginità con un ex-uomo durante il Kathe True, il rapporto tra i due è sempre ottimo e resta un velo di ambiguità sul loro futuro. La sua bevanta è la birra, sul bicchiere si può leggere il marchio “Atlus beer”.
Orlando:
Orlando Haddick, doppiato da Liam O'Brien (si gola profonda Kain/Caius ma più famoso in Atlus per essere Akihito di P3). Si sposò giovanissimo ma perse diversi soldi nel commercio ittico (tanto per la cronaca il padre fu arrestato per appropiazione indebita e da allora ha la fissa del rischio) ed è convinto che la moglie lo tradisse per questo divorziarono. E’ forse il miglior amico di Vince, sono pure colleghi (gli ha trovato lui il nuovo lavoro), prima è favorevole a Cathe ma quando vien fuori la storia del bambino dice a Vince di rassegnarsi alla vita matrimoniale, che forse non gli dispiaceva e ora gli manca... Anche lui appare dallo stage 6 sotto forma di pecora tutta vestita (va a dormire così!?) e il mostro che lo insegue è la ex moglie da cui vuole sapere perché l’abbia abbandonato (ricordo che la torre serve per “sbloccare i rapporti in stallo”). Nel True Ending di Kathe vediamo che è venuto al matrimonio con la ex-moglie, i due si danno una seconda possibilità (la voce di lei è atroce ed è identica a Ebihara, il moon social link di P4) e torna a parlare di pesca, vien fuori che è stato pure un pescatore professionista in un lontano passato e vuol fare soldi grazie al Kappa (anche se si riferisce al sushiaro in cui lui e Vince non alla bestiola folkloristica). Erroneamente nel Venus Mode Art Book, uscito solo in jp (solito artbook/guida risultata poi strapiena di errori), il suo nome è stato traslitterato come Orland. Anche lui beve birra, ma in una bottiglia stile corona. Il suo cognome è il nome di un pesce.
Erica:
Eric Anderson, la scollacciata cameriera del bar e amico di scuola del nostro eroe e compagni, principale informatrice sui pettegolezzi legati alla “Furia Femminile” oltre a quelli dell’immortale misteriosa strega che starebbe causando tutto questo, poi verrà fuori che in realtà è lei la “strega” e ha confuso le acque e fatto girare voci tanto per divertirsi, flirta anche un po’ con Vince. Nel True Ending di Kathe viene detto che lei si chiamava Eric ai tempi della scuola, cosa che avvalora il fatto che sia nata uomo e per questo Toby si tormenti un po’. Per tutto il gioco vengono lasciati degli indizzi sul suo segreto: non può entrare nel wresting femminile, quando da consigli su come Vince dovrebbe comportarsi con una donna lui ribatte che li prenderebbe sul serio se fosse davvero una donna a dirglieli, inizia ad avere incubi e Toby allora dice che tutti possono averli ma Orlando lo corregge, Jonny e Orlando hanno reazioni esagerate quando Toby confessa la sua cotta e la perdita della verginità con lei e il ragazzo stesso dice che è stato “strano” ma forse era perché era la prima volta (ma non lo fanno finire). L’aspetto di Erica sempre scimmiottare un po’ Ronald McDonald, la faccenda della strega potrebbe essere nata a causa del fatto che Eric sparì dalla circolazione e “morì” per rinascere come Erica. Il suo cognome significa “figlio di Anders”. E’ l’unica “normale”, oltre a Vince, ad avere Catherine e Katherine distinte nei dialoghi, inoltre chiama Katherine Kat.
Vincent:
Vincent Brooks, protagonista mosso dal giocatore. La sua bevanda è una versione del Cuba Libre senza limone. E’ un maniaco della tecnologia e Kathe lo rimprovera spesso perché scialacqua soldi in cellulari nuovi e pc. Vincent era già apparso il P3P, al club come “uomo che beve da solo” e racconta di essere tromentato da degli incubi riguardanti il rapporto uomo-donna, inoltre in quella versione ha un neo sotto l’occhio che poi in Catherine non ha.
Katherine:
Katherine McBride, nonostante professi fedeltà e correttezza e odi le insinuazioni (vedi Steve) non dice a Vince che in realtà non è incinta e agisce in maniera subdola, inoltre è sempre abbastanza gelida con l’altro salvo che nel True Ending. Sembra che da piccola abbia avuto un bruco come animaletto da compagnia, inoltre sembra adorare i bambini e forse desidera veramente la gravidanza.
Catherine:
Succube che porta gli uomini fuori strada ma non per questo è alle dipendenze del boss (in realtà è la principessa degli inferi) e il suo interferire con i condannati è un modo per salvarli, almeno dal suo punto di vista. Adora mordere a sangue il partner e ha la fobia delle formiche. Non è mai stato confermato con certezza che effettivamente abbia avuto dei rapporti con Vince durante la partita, nel True Ending avoja. Nonostante possa assumere l'aspetto che vuole l'altro (es. la Cathe di Steve è di colore) nel suo True decide di restare con le fattezze adorate da Vince e anche in forma demoniaca ha la stessa faccia.
Boss:
Thomas Mutton (montone) divenuto poi il demone Dumuzid. Il boss per gran parte del tempo da consigli sull’amore e spara citazioni (nelle fasi finali del gioco appaiono anche delle citazioni a nome Thomas Mutton). E’ la causa degli incubi e il doppio boss finale dello stage finale (9, l’Empireo) ma nonostante la sua natura demoniaca nei finali gli vengono quasi sempre messi i piedi in testa. Durante la sua giovinezza, tra i 20-30 anni, ha avuto problemi con l’alcol finendo in situazioni ridicole e misteriose, inoltre ha divorziato dalla moglie quando lo beccò con una più giovane. Nel Venus Mode Art Book è stato erroneamente(?) segnato come donna. Dumuzid è definito come il consorte di Isthar, e insieme all’immortalità è ciò che ha avuto vincendo la scalata (causata dall’aver cornificato la mogliera); dai discorsi di Lindsay e Martha si può supporre che Thomas sia l’uomo che 700anni prima sopravvisse (visto che 300 ebbe la ricchezza e 700 il mondo). Dopo essere divenuto un demone ri-organizzò la torre riempiendola di tranelli e trappole ed osserva le vittime come barman per raccogliere informazioni su di loro e rendere la loro esperienza notturna più “formativa”. Non è totalmente cattivo, ha creato Rapunzel per aiutare la gente a superare gli incubi. Nonostante la promessa fatta con Vince non è detto che non ci saranno più altri incubi, in fondo non dipende da lui ma da Ishtar. Indossa ancora l’anello nuziale dopo tutti questi anni, nell’occhio sinistro ha il simbolo della donna, del destro quello dell’uomo. Dumuzid era il nome del dio babilonese del cibo e della vegetazione e fu spedito all’inferno da Isthar quando le mancò di rispetto. Durante i dialoghi dello stage 9- Empireo per un attimo si professa pure Lucifero (allegria). Nell’ultimo stage spara pure una citazione da Castlevania "It's a wonderful night for a curse." Sulla lavagna alle sue spalle al bar c’è segnato il piatto del montone in umido.
Voce Misteriosa/Astaroth:
Il “tizio” del confessionale, anche se nella version Jp aveva la stessa voce di Erica (e non quella di Toby e Hanamura di P4). Datore di lavoro di Dumuzid e avatar di Isthar (il nome deriva da Astrate, corrispettivo feniceo della babilonse Isthar) e il suo scopo e giudicare gli uomini e far si che la ripopolazione del mondo proceda correttamente (il tasso di nascite in JP rasenta lo 0). Secondo alcuni testi di demonologia Astaroth è il principe degli Inferi, inquisitore supremo.
Isthar:
Conosciuta anche come Trisha la Venere di MezzaNotte (midnight venus), presentatrice del programma che ospita le vicende di Vince e divinità di tale mondo (coi capelli lisciati è molto meglio) e nonostante sia “sposata” con Dumuzid ha avuto un sacco di amanti. Nella version Jp la sua doppaitrice è sempre di Junko, ma nell’inglese condivide la voce con Erika. La sua identità viene principalmente svelata in Rapunzel e finendo la modalità Babele.
Steve Delhomme:
E’ la “pecora” incravattata che inizialmente aiuta Vince nelle scalate, dopo lo stage 4-1 sparisce ossessionato da una “lei” (Catherine) si tratta del secondo giorno infatti nel terzo Cathe rompe con lui (e pochi giorni dopo Steve chiama Vince per minacciarlo, lo spia pure dallo spioncino della porta) e riappare nello stage 7. Alla fine, terrorizzato si blocca e viene afferrato dall’Ombra di Vincent che se lo mangia. Sembra che Catherine abbia maledetto entrambi perché la tradivano. Probabilmente l’appuntamento dal dentista di Cathe durante il primo giorno era con Steve (dentista 42enne nella realtà). Il suo numero di telefono viene visto sul cellulare di Vince ed è 52612356. Nel True Engind di Cathe viene mostrato, nel secondo filmato anime, il teschio cornuto di Steve con tanto di candela. Altro errore del Venus Art, Steve è stato traslitterato come Steeve.
Le formiche:
A detta di Linsday e Martha sono le messaggeri della “strega” ed esse “escono fuori dalla bocca degli uomini morti per deperimento”, sembra che siano “nemici” dei demoni. Il terzo giorno al Chrono Rabbit si sente una voce fuori campo che commenta che ci sono delle formiche e chiama un cameriere per cambiare il dolce ed effettivamente una fa la sua prima apparizione lungo il tavolo di Vince e Kathe mentre parlano delle morti. Quando Kathe piomba la prima volta in casa di Vince, in dolce compagnia, si vede una formica poco prima del trillo del campanello. Le formiche arrivano in massa e si attaccano al dolce lasciato da Katherine, sono davvero uno spettacolo rivoltante e Catherine fa mambassa con le coperte e lancia tutto fuori dalla finestra. Nel Good Ending di Kathe si vede un ultima solitaria formica lasciare l’appartamento di Vince. Sia Jonny che Erica vedono delle formiche, lei al bar, lui nei posti in cui prova a dormire ma non c’è la fa.
Lindsay & Martha:
Due vecchiette gemelle che frequentano il bar e dispensano criptici consigli ma sembrano saperne molto sugli altri clienti del bar e sugli incubi. Sembrano essere affezionate a Morgan e in caso muoia si disperano. Non sono date grandi informazioni su di loro, ma i loro dialoghi sono abbastanza utili e “spoilerosi”.
Justin Bailey:
Giornalista e pecora che appare fin dal principio. Scrisse un articolo su una sfortunata ballerina talentuosa, ma questo le diede notorietà e problemi che sfociarono nello stermineo della sua famiglia. Nel suo biglietto di suicidio ringraziò Justin che da allora si tormenta. Si appassionò a una leggenda secondo cui ogni 100 anni molti uomini muoiono in modo misterioso e in pochissimi sopravvivono. Il motivo per cui continua a scalare la torre è per avere il potere di cambiare il passato (magari cancellandosi) e salvare quella ballerina. Ha anche una fidanzata da tanti anni ma tormentato com’è non riesce a impegnarsi. Il suo boss è la ballerina suicida, e se riuscite a salvarlo tornerà a scrivere e proporrà a Vince un intervista per far conoscere la sua storia, oltre a sposarsi la ragazza.
Tood Bozeman:
Capo di Archie e pecora capelluta. E’ il dirigente della Suits Bantam, dove lavora anche Kathe. Il padre di Tod era un uomo di successo, ma sotto la facciata perfetta maltrattava il figlio (coperto di cicatrici) ed era un gran puttaniere. Tod ha provato per tutta la vita a raggiungere le aspettative del padre, questo fa si che tradisca ripetutamente la moglie (che sa la fa con Archie) convinto che il valore di un uomo si misuri in quante donne ha. Evitò che Morgan si suicidasse alla morte della moglie, ma così si è beccato una denuncia per aggressione a pubblico ufficiale dal quale Daniel l’ha salvato, in cambio di una retrocessione nell’azienda. Se non muore decide di non seguire più le zoccolevoli orme del padre e perdona Archie per la faccenda della moglie.
Archibald "Archie" Wallace:
Sottoposto e compagno di bevute di Tood. Ha un triste passato alle spalle, per gran parte della sua infazia è stato segregato in cantina e continuamente violentato dalla madre, finché non riuscì a fuggire. Traumatizzato da allora prova disgusto per le donne che sfrutta economicamente e poi getta via (però ogni volta che va con una donna si taglia). Nonostante Tood sia un po’ un coglione dalle pessime battute gli piace che lo prenda sotto la sua ala e lo aiuti a lavoro e quindi prova ancora più disgusto di se a causa della relazione con la moglie del capo, se Tood muore si dispera sinceramente. Se sopravvive decide di gettarsi alle spalle il passato e creare con le sue mani una vera famiglia felice.
Daniel Krisch & Anna Rosmont:
Daneil è il figlio adottivo di un importante famiglia, spesso viene al bar con Anna, la sua ragazza-amante. Daniel ha vissuto cercando di rendere orgogliosi i suoi genitori, ma la sua vita era già tutta decisa anche il matrimonio fissato con un’altra ragazza nonostante lui ami Anna. Era compagno di Vince alle elementari, per lui era un idolo ma Anna resta un po’ delusa nel constatare com’è veramente Vince (che manco si ricorda di Daniel). Se sopravvive il giorno 8 torna da Anna, dopo un giorno di totale sparizione, e le propone una fuga d’amore.
Anna non viene accettata dalla famiglia di Daniel e spende tutti i suoi soldi per vestiti e accessori che non facciano sfigurare l’amante (oltre a inutili lezioni di galateo), ma ora che il matrimonio è vicino non c’è la fa più a sopportare la situazione. Anni prima cadde in depressione quando una sua amica ballerina andrò in contro a un tragico destino a causa dell’articolo di Justin, in quella situazione conobbe Daniel che l’aiutò.
Morgan Cortez:
Poliziotto la cui moglie fu uccisa a causa di un suo caso, da allora investiga per trovare e uccidere l’assassino (e poi suicidarsi). Sei anni prima la moglie fu uccisa per mandare un messaggio a lui e quindi si è convinto che lei è morta a causa sua, non solo le ultime parole che si sono scambiati sono state assai aspre a causa di un litigio. Intorno ai 20anni Morgan si pagava la retta lavorando in una gelateria, in cui sviluppò un amore per il gelato alla vaniglia (e quindi i chili di troppo) ogni tanto giocava a tennis con Lindsay e Martha, ancora segretamente innamorate di lui dopo tutti questi anni. Se sopravvive fino alla fine decide di consegnare alla giustizia l’assassino della moglie e che il prossimo drink che berrà sarà sulla tomba della moglie per festeggiare.
L’uomo Apatico e la Ragazza Allegra (La coppia):
Sono due tizi random senza nome che appaiono al bar il giorno 4 e 7 (ma stanno anche sullo sfondo del Kappa Heaven, sushi), sono una giovane coppia appena formata ma composta da due soggetti che paiono opposti. Lei dice che il fidanzato di un amica sto morendo a causa della maledizione ma all’altro non interessa la storia. Parlano del costo del viaggio nello spazio e lui ridicolizza la cosa. Il settimo giorno lei si vanta degli hamburger e lui le fa notare che nell’ultimo c’erano dei capelli. L’uomo Apatico conosce a memoria le battute della modalità Extra di Rapunzel. Il loro scopo è quello di far ripensare a Vince i momenti iniziali del suo rapporto con Katherine.

Quindi... Direi che è tutto :P Se a qualcuno interessa hosto su mediafire il save data >.<

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes