Ultimi Post

giovedì 23 giugno 2011

Dio NO! Tutto ma non la Minami!!

*affanno stile maratona e occhi spiritati*
Non pensavo sarebbe mai successo...!! Insomma io dovrei elogiare follemente la Naono, scrivere velati insulti al discontinuo lavoro della Ayano, abbozzare folleggianti lodi alla Norikazu e invece... O.o mi trovo a parlare della Haruka Minami.
Chi è questa donna? Beh ovviamente visto gli altri nomi è una yaoista (ma no?) anche se "disegna" sotto diversi pseudonimi perchè beh... è una Yaoista della Domenica, per così dire, nome che usa "pesantezza" e genere della storia che ti ritrovi.
Il motivo per cui non la sopporto il 99,9% delle volte è perchè ha fatto 10mila oneshot tutte uguali del classico yaoi senza trama scopa-scopa, eppure a causa del tratto "shojesco" (chi sa come mai XD) dei suoi disegni e il fatto che siano tutte storie brevi è una delle autrici più facili da trovare tradotta fan made.
Una oneshot la puoi anche leggere, tutto sommato è uno yaoi dallo stile puccio e dai dialoghi più dannatamente volgari di questo mondo (chiedere alle traduttrici per credere, a volte c'è scritto della roba da far rizzare i capelli in testa. In compenso io sbattevo la testa nel cercare di dare un minimo di "poesia" ai dialoghi ma alla fine dovevo editare balloon con scritto pressa a poco - cazzo scopami a sangue, più forte! aprimi in due come un pacchetto di fruittella (?????) - eheheh... al 4° progetto con medesimi disegni, trama e dialoghi però ti  spari).
Il problema delle oneshot della Minami è che sono tutte indentiche, posso accettarti che da oneshot a oneshot i personaggi si assomiglino ma le situazioni, il numero esoso di scopate per pagina e tutto il resto rendevano quasi ridicolo continuare a leggerle perchè tanto era la solita solfa cambiano il lavoro dei protagonisti, il tutto stra-infarcito di clichè e trame sgangherate.
Si va dall'androide ragazzino che cura il padroncino malato che in 3 pagine finsice sodomizzato 8 volte su 30 superfici diverse.
Al senpai che viene violentato regolarmente dal suo coinquilino più giovane.
Ai due del consiglio studentesco che invece di "lavorare" fanno strane cose con gli oli aromatici (XD).
Ecc...
Credo che in media abbia il maggior numero di scene di sesso per oneshot della storia dello yaoi, e pensare che poverina 2 righe di trame, tra un "ah" "cazzo come è duro" et, ci provava a metterle.
Alla fine ero arrivata al punto di non poter vedere i suoi disegni, e incavolarmi con la gente che voleva farmela tradurre o editare o anche solo far controllare il loro lavoro.
Poi arrivò il giorno funesto in cui... lessi Bitter più che altro stupita che riuscisse a fare un volume unico con più di un capitolo e lì sono rimasta un attimino perplessa e ho LEGGERMENTE rivalutato l'autrice.
Bitter è un volumetto unico del 2008 con 6 capitoli (di cui uno è un extra decismante prono e lungo, ecco all'incirca le oneshot sono tutte come l'extra) e la cosa che mi ha sconvolto è che nel primo capitolo il bel protagonista (= ai 10mila prima) poverino molesta il ragazzino svenuto nel letto e basta.
Poi l'uketto schizzato si sveglia e ti ritrovi davanti un'altra volta il classico Uke alla Minami ovvero volgare e in modalità repressa dalla mattina alla sera finchè non finisce a gambe all'aria, al che diventa una volgare zoccola brava a infartare la gente con le sue dolci paroline.
La cosa carina della Minami forse è che tenta di darti il punto di vista di entrambi della coppietta, però è anche vero che la cosa finisce lì i protagonisti sono loro e il resto dei personaggi è già tanto se gli disegna la faccia e vengono appena abbozzati restando assai di dubbia utilità e buoni solo a occupare la vignetta.
Nelle oneshot tentare di alternarsi tra 2 equivale a un suicidio, soprattutto quando nel 70% delle pagine scopano e basta.
Bitter mi è piaciucchiato, anche se mi dispiace per i fratelli dei protagonsiti che appaiano, salutano e non apportano nulla alla vignetta della serie "a sto punto citamelo e basta senza prenderti la briga di disegnarlo".
L'idea delle luci sull'hotel non è una genialata, c'era da prendere il tipo e spiaccicargli la testa sul vetro dicendogli che non era all'altezza di essere suo socio (XD) inoltre andiamo... l'uketto (si fa per dire) te la mena per 4,3 capitoli con la sua falsa ninfomania e l'amore per il fratello e poi basta una lampadina sull'hotel di fronte e una scopata a fargli dimenticare tutti i problemi passati...
Ma O.o signor direttore seme (si fa per dire) il tuo adorabile ragazzo fa affari svendendo il suo corpo... cioè si è visto! è stato praticamente violato in un bagno a metà riunione... Minami pliz... coerenza! almeno dedica un nuvoletta di pensiero a questa cosa! Non è che l'amore vince e gli ex amanti del tipo si mettono l'anima in pace e continuano a farti da fornitori e affini... O.o
Ah già vero... sono personaggi secondari (ricorda se hanno la divisa rossa a fine episodio muoiono... no aspetta è star trek quello... ah si! se hanno i capelli neri a fine volume è come se non fossero mai esistiti).

Alla fin fine Bitter è tollerabile perchè è la stessa porno-oneshot diluita in più capitoli, il che diminuisce la % di scopate per pagina ma rende la lettura... una lettura, anche se si prota dietro tutti i difetti delle one-shot by Minami.

P.s. per gentilezza vi posto un vero dialogo tradotto delle storia by Minami, perchè ovviamente quella della fruittella era una mia invenzione (lei usa i Pooky --> mikado jappi)
Seme-chan "il tuo culo si sta stingendo intorno al mio cazzo, è così sexy" 
Uke-chan "è xkè il tuo cazzo è davvero meraviglioso, aaaah"
e con questo ho "detto" tutto --> fugge

Share this:

Posta un commento

Commenta, a tuo rischio e pericolo...

 
Copyright © 2014 La Crudele Rubrica di Elisa. Designed by OddThemes